Resta in contatto

Rassegna Stampa

No Dzeko, no gol. La prima Roma si ferma al palo

I giallorossi falliscono diverse occasioni nel primo tempo, poi calano vistosamente nella ripresa

Falsa partenza: metà partita non basta alla Roma, con la lingua di fuori nella ripresa. Impotente contro il Verona dimezzato nella rosa tra assenze e cessioni: 0-0 al Bentegodi. Dove Dzeko resta in panchina: la conseguenza è il digiuno. Dan Friedkin è seduto in tribuna con il figlio Ryan. E con Mark Watts, presidente del gruppo, e il Ceo Fienga. Il texano prende, insomma, subito le distanze dalla proprietà uscente e assente. E mette il timbro già al via della Serie A. Fonseca fa il possibile per partire bene davanti al nuovo proprietario. E, confermando il 3-4-2-1, punta sulla qualità degli interpreti. Così piazza Cristante, centrocampista più offensivo che di interdizione, in mezzo a Mancini e Ibanez in difesa, e sceglie la formula del doppio trequartista, con l’esordiente Pedro e il capitano Pellegrini che si dedicano al falso nove Mkhitaryan.

Lo spirito, almeno all’inizio, è giusto. Controllo del match, in alcune fasi alzando il ritmo e quindi andando in pressing a soffocare il Verona che, però, non è quello dell’ultimo campionato. Più povero e meno competitivo. L’assenza di Dzeko, o magari quella di Milik, cambia la storia del primo tempo. Spinazzola vola a sinistra e cerca di mandare a dama Mkhitaryan e Pedro. Che, però, fanno cilecca. Il dominio è evidente, delude invece il raccolto. Con 16 tiri, 5 nello specchio, aspettando l’intervallo, non arriva il vantaggio.

Anche Veretout partecipa all’assedio, Diawara resta invece sul posto. Il Verona resiste e la Roma, colpevole di aver sprecato la raffica di chance sparando a salve, rischia di andar sotto nel finale di primo tempo: Tameze entra in area e conclude: Mirante, chiamato in causa per l’esclusione di Pau Lopez, devia: la palla si stampa sulla traversa prima del salvataggio di Cristante. I pericoli aumentano nella ripresa. I giallorossi si abbassano. Schiacciati più dalla mancanza di fiato che dalla spinta della squadra di Juric. Tameze è ancora protagonista. Salta Mirante, ma non inquadra la porta. Come fa Di Carmine, ancora su affondo di Tameze. Dimarco prende con lo stesso tiro la traversa e il palo. Spinazzola replicherà colpendo la traversa. Lo scrive Il Messaggero.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa