Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Va tutto di traversa: Verona e Roma restano a secco. Ma dove sono i bomber?

I giallorossi sprecano: al Bentegodi è 0-0

A volte, i falsi nove non funzionano. A volte, non c’è gol senza centravanti. La nuova Roma dei nuovi americani al suo esordio crea parecchio ma non va in buca a Verona. Dan Friedkin e suo figlio Ryan in tribuna assistono agli errori sotto porta di Mkhitaryan, Pedro e compagnia guardando, forse, con occhi interrogativi, in panchina. Vicino a Paulo Fonseca c’è Dzeko. Perché non usarlo, visto che è ancora qui. Per l’ultima volta? Con tutta probabilità sì. Ma l’intrigo Dzeko-Milik continua. Nel frattempo, in attesa che le caselle vadano a posto, il tecnico portoghese come annunciato ha piazzato Miki davanti a tutti che si è mosso con generosità ma ha sbagliato tutto lo sbagliabile a due passi da Silvestri.

Un peccato per la Roma, che nel primo tempo è piaciuta parecchio quando prendeva velocità e metteva in crisi con fraseggi stretti l’inedito blocco difensivo della squadra di Juric. Con Dzeko, o con Milik, sarebbe riuscita ad andare in vantaggio. In questa nottata un po’ così, piena di occasioni mancate, anche da parte dell’Hellas, pali e traverse, la nota più lieta è Leonardo Spinazzola. Che ormai ha spazzato via tutti i timori della passata stagione. E’ ripartito come aveva chiuso: col turbo. Dopo l’ottima prestazione con l’Olanda in Nazionale si è ripetuto. Si annuncia come il “quinto” migliore del campionato. Tutte le migliori occasioni della Roma sono state create da lui, con sprint irresistibili, serpentine in area e assist non sfruttati, appunto, da Miki e Pedro. Al tramonto della gara, poteva anche regalare la vittoria con una stupenda sassata che ha colpito la traversa. Lo scrive La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa