Resta in contatto

Rassegna Stampa

Il rischio musi lunghi

Tante situazioni da sistemare in casa Roma

Per prima cosa grazie a Dan e Ryan Friedkin. Hanno comprato la Roma quando nessuno se l’aspettava più, ci hanno investito, sono qui a lavorarci. Non sappiamo cosa porteranno a casa con la loro presidenza, ma sappiamo che ci voleva molto coraggio per affrontare questa avventura. Lo hanno avuto, non era scontato. Seconda cosa: il mercato non è ancora finito. Mancano giorni in cui tutto può succedere. Qualsiasi colpo di scena, nella squadra come in panchina, e perfino in società. Terza e ultima cosa: sabato sera a Verona si è giocata una partita. Ma in queste ore si gioca La partita. Quella in cui si capirà cosa vuol essere questa Roma. Perché attorno all’incredibile balletto dei centravanti, ci si gioca la faccia, il sentimento, il futuro. E se lo giocano tutti.

I tifosi, che hanno amato il loro capitano Dzeko ma che sono rimasti giustamente delusi dalla sua indisponibilità a giocare a Verona, dalla sua negata voglia di Juventus, e che non è detto avranno la forza di far finta che non sia successo niente. L’allenatore, che senza giri di parole è a rischio, se non oggi nei prossimi mesi, e deve portare a casa risultati anche in termini di autorevolezza rispetto al gruppo. I giocatori coinvolti, nessuno dei quali appare felice. Rimanere con malumori e storie prolungate senza gioia sarebbe amarissimo, qualunque cosa si racconti per spiegare l’inspiegabile. I Friedkin non se lo meritano. Soprattutto non ce lo meritiamo noi. Lo scrive “Il Corriere della Sera”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa