Resta in contatto

Rassegna Stampa

Fonseca ha deciso, sarà Pellegrini la mente del gioco

Il numero 7 potrebbe aver trovato la sua collocazione: in mezzo al campo al fianco di Veretout

Pellegrini ha una certezza: continua ad essere uno di quei pilastri su cui la nuova Roma, quella di Dan e Ryan Friedkin, vuole costruire il suo futuro. La partenza è proprio questa, l’importanza che Pellegrini riveste sia per la società, sia per l’allenatore. Presto la società si metterà a tavolino con il suo entourage per iniziare a lavorare sul rinnovo del contratto.

Fonseca, invece, guarda al presente che prevede un Pellegrini come punto fermo del suo 3-4-2-1. L’intenzione del portoghese è quella di fare del numero 7 la vera mente della squadra. In quella posizione Lorenzo può aiutare ad uscire dalla pressione avversaria, ma anche a verticalizzare quando ha davanti a sé la visuale di campo. Da qualche tempo è entrato nell’occhio critico di una parte della tifoseria romanista che gli rimprovera scarsa applicazione e un’incisività minore rispetto alle aspettative. Lo scrive La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa