Resta in contatto

Rassegna Stampa

Pedro, prima gemma e la Roma fa festa

Lo spagnolo sigla il suo primo gol in Serie A

Finalmente la Roma. Che irrompe in questo campionato e brinda al 1° successo della stagione e della nuova proprietà. Pedro firma la vittoria, sofferta e di misura (0-1), alla Dacia Arena contro l’Udinese che, dopo 3 partite, è ancora senza punti e reti (unica in serie A). La prestazione dei giallorossi, sotto lo sguardo di Dan e Ryan Fredkin, è sciatta e discontinua. La giocata, gran gol dell’ultimo acquisto di Pallotta(a costo zero), è più efficace del gioco nella notte in Friuli. E comunque utile per riprendere quota in classifica. Bisogna per ora accontentarsi: la rosa è incompleta. È la Roma, e ci mancherebbe altro, a fare la partita. Alzando la difesa e spostando la palla da un lato all’altro. Non rapidamente, però. L’Udinese ha il tempo per sistemarsi davanti a Musso, allineando 5 giocatori.

A metà tempo le iniziative che potrebbero indirizzare il match, rimasto però senza reti fino all’intervallo: Mirante respinge sul sinistro centrale di Lasagna e Dzeko spara in cielo davanti a Musso, su lancio di Ibanez e dormita di De Maio che sale in ritardo. Prima del recupero la dormita di Ibanez che poi tenta il recupero, riuscito solo parzialmente, su Lasagna. Respinge Mirante, offrendo comunque a Pereyra l’occasione per il vantaggio: pallonetto e salvataggio sulla linea, in acrobazia, di Mancini. Se il coro stona, ecco il solista a salire sul palcoscenico: Pedro fa subito centro nella ripresa. Bellissimo il 1° gol in giallorosso. Destro potente da fuori, con il palo a far da sponda. Lo scrive “Il Messaggero”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa