Resta in contatto

Rassegna Stampa

Perotti-Kluivert, addio alla Roma

Diego Perotti

I due lasciano i giallorossi l’ultimo giorno di mercato

La Roma ha chiuso il mercato senza aggiungere un attaccante alla rosa. E’ stata una scelta determinata dall’equilibrio finanziario e dal sovraccarico di operazioni dell’ultimo giorno. Fienga ha dovuto perfezionare la cessione a titolo definitivo di Perotti al Fenerbahce e il prestito di Kluivert al Lipsia. Non c’era tempo materiale per chiudere un nuovo affare. El Shaarawy, quindi, non torna alla Roma, nemmeno in prestito. Il dossier dell’attaccante è finito sulla scrivania di Trigoria e negli ultimi giorni, quando la Roma ha capito che oltre a Under sarebbero andati via anche Perotti e Kluivert, ha chiesto all’entourage del Faraone di aprire una vera negoziazione.

Dopo una prima richiesta troppo alta ha accettato l’offerta della Roma che si basava sul risparmio dell’ingaggio di Kluivert. Nel frattempo è sorto un altro problema: l’addio di Perotti non è stato soddisfatto in tempi utili. In Cina, poi, ieri era giorno di vacanza e questo ha complicato ancor di più le cose. Lo Shanghai ha poi chiesto fino all’ultimo 2 milioni per il prestito e non ha mai detto sì al diritto di riscatto. Una volta saltato l’accordo con El Shaarawy, Fienga ha deciso di non inserire nessun altro attaccante in rosa. Se ne potrebbe riparlare a gennaio. Con le partenze di Perotti e Kluivert la Roma risparmia circa 10 milioni di stipendi. Lo scrive il Corriere dello Sport.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa