Resta in contatto

Mimmo Ferretti

Roma-Benevento 5-2: Dzeko fa 108, Pedro una delizia. Le pagelle di Mimmo Ferretti

Goleada giallorossa all’Olimpico

MIRANTE    7+

Tradito dal polpaccio di Ibanez sul tiro di Caprari, si inventa produttore e regista dell’azione che porta alla prima rete di Dzeko con un lancio millimetrico per Micki. Respinge il calcio di rigore di Lapadula, poi non può far nulla sulla ribattuta. Bravo, sempre nella ripresa, ancora sul centravanti avversario in un’azione complicata anche per l’arbitro Ayroldi.

SANTON   5,5

Lì, a destra, sta più in avanti che indietro a difendere. Nel primo tempo non fa bene né l’una né l’altra cosa.
E così fino al cambio.

MANCINI    6,5

Ruvido, spigoloso il duello con Lapadula. E non solo. Attento. Solido.

IBANEZ    5,5

Meno attento rispetto a Udine, non dà mai la giusta sicurezza alla squadra. Non bene, stavolta.

SPINAZZOLA   6,5

Fa l’ala sinistra, in pratica. E mette in grande difficoltà la tattica difensiva di Pippo Inzaghi.
Insigne nella ripresa lo impegna, lui non abbassa mai lo sguardo.

VERETOUT   6

Contrasta, recupera e riavvia l’azione. Poi si impappina in malo modo e regala un calcio di rigore pueril, grottesco al Benevento. Come era già accaduto un’altra volta, contro la Juventus.
Si riscatta segnando con freddezza il gol del nuovo vantaggio romanista. E, per quello, arriva alla sufficienza. Con fatica…

CRISTANTE   6,5

Mediano al fianco di Veretout, si segnala per i continui corpo a corpo a centrocampo con qualsiasi avversario in mezzo al campo. Quando si abbassa, dà il la all’azione della Roma. E spesso lo fa bene.

PEDRO   7,5

A Udine gol di destro, stavolta rete di sinistro. Riporta la Roma in parità e non è assolutamente poco.
Si guadagna il calco di rigore del 3-2, a seguire. Esce accompagnato dalla standing ovation dei mille dell’Olimpico.

PELLEGRINI   6+

Efficace l’assist per Pedro-gol, poi sbaglia troppe volte la misura del passaggio da rifinitore.
Regge fino alla fine, con tigna, ma ancora una volta dà l’impressione di una prestazione incompleta.
In crescita, comunque.

MKHITARYAN   7

L’assist per il primo gol di Dzeko è un mix di intuito e tecnica.
Nel finale di primo tempo segna su assist di Cristante, ma il Var annulla per una precedente irregolarità.
Offre un cioccolatino a Edin per il gol della serenità, ma quanti errori sotto porta!

DZEKO   7,5

Tre anni esatti dopo quel capolavoro al volo in casa del Chelsea, firma la prima rete in campionato con un diagonale – di destro – forte e precisissimo sul palo lontano. Prima aveva illuminato la scena da eccellente regista offensivo. Montipò di piede gli respinge il tiro da due passi del 4-2. Facile facile, poi, la rete per la doppietta su assist fraterno (il secondo di serata…) di Micki. E sono 108…

VILLAR   6,5

Entra per Veretout dopo il gol del francese. Delizioso, il tocco per Micki che poi manda in gol Dzeko.

BRUNO PERES   5,5

Per Santon sul 3-2, con gli stessi compiti dell’ex Inter. Patetico in fase difensiva, meglio quando deve attaccare.

KUMBULLA   6

Per Ibanez, dopo la seconda rete di Dzeko.

CARLES PEREZ   7+

Al posto di Pedro, che esce accompagnato dalla standing ovation dei mille dell’Olimpico.
Firma un gol bellissimo in stile Barcellona, evidentemente istruito da un certo Leo Messi.

BORJA MAYORAL   NG

Rileva Dzeko per l’esordio nel campionato italiano.

FONSECA   6,5

Abbandona la difesa a tre, torna al 4-2-3-1 mascherato da 4-3-3 (modulo elastico) con una virata finale più difensiva. Segna 5 reti, subisce un autogol e una rete su rigore. Nove vittorie e tre pareggi (sul campo) nelle ultime 12 partite di campionato. Meglio ha fatto solo il Milan. (10 + 2). Se qualcuno a Trigoria lo vuole cacciare, dia un’occhiata a questi numeri.

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
3 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 mese fa

Grande Mimmo, Romanista VERO.👍👏👏

Antonio Tiberi
1 mese fa

Buongiorno redazione
D’accordo anch’io sulle pagelle di Mimmo
giornalista che ammiro e che ha tutta la mia stima
Buon lavoro

Oreste
Oreste
1 mese fa

(per quel che conta) mi trovo d’accordissimo con le pagelle di Mimmo, forse avrei tolto il “+” a Pellegrini ma sinceramente non ho ne la competenza ne la visione (dalla TV) per dare una opinione corretta sul lavoro oscuro che viene fatto e che è impossibile vedere dal divano

Advertisement

Francesco Totti: uomo, capitano e leggenda

Ultimo commento: "Il like a Manolas? Brutto brutto!"

Agostino Di Bartolomei

Ultimo commento: "Tifo Lazio ma ammiravo Agostino come calciatore e come uomo. Apprezzo molto anche suo figlio. Il coro con il suo nome mi faceva venire i brividi."

Giuseppe Giannini

Ultimo commento: "Te vojo bene Principe! Sei stato il mio idolo da ragazzino, dopo Falcao il giocatore che mi ha fatto innamorare della AsRoma e di Roma."

Nils Liedholm

Ultimo commento: "Gli anni della Magica... indimenticabili momenti di sport ancora genuini con un allenatore maestro in tutti i sensi un grazie grande e sentito......"

Daniele De Rossi

Ultimo commento: "L'anima della Roma"
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

Altro da Mimmo Ferretti