Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Caprari: “Settanta minuti di buon calcio. Abbiamo mostrato la giusta mentalità”

Le parole dell’attaccante del club campano, autore del gol del vantaggio nella sfida di questa sera all’Olimpico contro la Roma 

Il Benevento perde 5-2 all’Olimpico, ma torna a casa soddisfatto della prestazione contro la Roma. Gianluca Caprari, autore del gol del vantaggio della ‘Strega’, e Bryan Dabo hanno commentato la partita contro i capitolini.

GIANLUCA CAPRARI A OTTOCHANNEL

“Abbiamo giocato settanta minuti di buon calcio, poi alla fine gli episodi hanno determinato tanto. Siamo stati bravi a riprenderla sul 2-2. E’ vero, abbiamo concesso delle ripartenze, ma sono avvenute alla fine, quando abbiamo cercato di pareggiare. Per gran parte della sfida abbiamo dimostrato di saper stare in campo. Ce ne andiamo con rabbia e convinzione. L’arbitro non è stato all’altezza. Per il resto abbiamo mostrato un buon calcio e la giusta mentalità. Oggi per settanta minuti abbiamo messo in campo la mentalità giusta, servirà coraggio domenica. Siamo arrivati tante volte al tiro. Ci sono state diverse occasioni, poi se dai un rigore che non c’è e non segnali i falli, poi diventa difficile contro queste squadre così forti. Non so se mi porta bene l’Olimpico, ma il mio compito è quello di segnare e di fare il possibile per la squadra. L’obiettivo è quello di farne il più possibile per salvarci. Dobbiamo trovare ancora i meccanismi giusti. Non tutte le squadre sono Juve, Napoli, Roma o Inter. I miglioramenti li dobbiamo dimostrare contro chiunque e conquistare risultati positivi”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News