Resta in contatto

Mimmo Ferretti

Bologna-Roma 1-5: una manita da applausi! Micki incanta, Pellegrini dà spettacolo, Dzeko fa 111. Le pagelle di Mimmo Ferretti

Show in campo dei giallorossi

PAU LOPEZ  6

Pronti e via, salva alla grande di piede su Palacio. Episodio da non sottovalutare. Cristante con quel tocco goffo e scriteriato lo fa arrabbiare parecchio, e lo spagnolo ha ragione. Bravo assai ancora su Palacio, nella ripresa, ma a gioco fermo. Da brividi un’uscita alta a vuoto, lo salva Ibanez.

KUMBULLA  6+

Si sistema sul centro destra della difesa a tre per controllare le mosse di Barrow. Non fatica più di tanto per riuscirci, tenendo sempre la giusta posizione, prima del cambio forzato per problemi muscolari.

CRISTANTE   6-

Gioca ancora una volta centrale tra i centrali e regala un gol al Bologna battendo Pau Lopez con un tocco sballato, inutile e senza alcuna pressione degli avversari. Il Var, poi, annulla un altro suo autogol…

IBANEZ  6,5

Difensore centrale di sinistra affidabile, si permette anche qualche virtuosismo tecnico in fase di costruzione della manovra. Recuperi rapidissimi, presenza costante e tosta. Troppo irruento in area su Palacio, nella ripresa: Calvarese non fischia niente.

KARSDORP  7+

Una chiusura al centro in diagonale e l’assist per Micki-gol tra le tante cose belle del suo primo tempo. Diligente, attento e sempre pronto a far ripartire l’azione anche nella ripresa, come quando manda al tiro a campo aperto Borja Mayoral. Bene.  

VILLAR   7+

Dà un tocco di classe superiore alla manovra meno vorticosa della Roma. Quando la squadra giallorossa attacca con palla manovrata lui c’è sempre, e bene. Tempi di gioco da grande giocatore. Sbaglierà, sì o no, due, tre palloni in tutta la gara. Vamos.

VERETOUT  7+

Non soltanto la quarta rete della Roma nel suo primo tempo fatto di senso tattico e rapide ripartenze. Non è in condizione perfetta e nel secondo tempo si limita a fare cose semplici e giuste. Inimitabile. 

SPINAZZOLA  7,5

Immarcabile, là a sinistra. Ogni volta che entra in possesso del pallone, per il Bologna sono guai enormi. Propizia la prima rete giallorossa e manda in gol Pellegrini. Ha un altro passo, rispetto a tutti. Se riuscisse a migliorare il tiro in porta sarebbe perfetto. Così, comunque, non è male. E c’è chi lo aveva svenduto nel gennaio scorso all’Inter…

MKHITARYAN   7,5

Esemplare in entrambe le fasi di gioco. Segna, fa segnare, difende, attacca e lo fa sempre di corsa. Con le idee chiarissime. Un esempio per i compagni, un incubo per gli avversari. Spettacolo puro, da standing ovation. 

PELLEGRINI  7,5

Testa alta, giocate di pura tecnica, assist e gol: primo tempo sontuoso. Prestazione completa, spesso da seconda punta al fianco di Dzeko. Diciamo da “falso 10”. Nella ripresa va meno forte (era stato in dubbio alla vigilia). Quando esce Veretout chiude 20 metri dietro, al piccolo trotto. Una risposta forte alle critiche cattive, una risposta da uomo e calciatore maturo. 

DZEKO  7

Partecipa attivamente alla prima rete, segna la seconda ma, facendo un punto alla fine del primo tempo, si pappa tre gol da principiante. Ma il suo contributo complessivo per la squadra è notevolissimo. 111 reti con la maglia giallorossa, come Amedeo Amadei, sul terzo gradino del podio di tutti i tempi.

SMALLING  6

Al posto dell’infortunato Kumbulla e ne rileva la posizione sul centro-destra.

BORJA MAYORAL   SV

Rileva Dzeko a una decina di minuti dalla fine. Sfortunatissimo quando becca il palo in ripartenza veloce, lento quando non supera un già rassegnato Ravaglia.

CARLES PEREZ   SV

Per Veretout, a braccetto con Borja Mayoral.

CALAFIORI   SV

Spiccioli di gara al posto di Karsdorp.

DIAWARA   SV

Spiccioli anche per lui ma al posto di Villar.

NUNO CAMPOS   7

Va in panchina al posto dello squalificato Fonseca (voto 7,5 per la preparazione della partita), la Roma viaggia, anzi vola con il pilota automatico.

5 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

5 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Mimmo Ferretti