Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Parla Boniek: “Zaniolo? Farebbe bene a concentrarsi solo sul recupero”

Le parole del presidente della federazione polacca

Zibi Boniek, ex centrocampista giallorosso, viene intervistato da “Il Corriere dello Sport” e tra le tante tematiche toccate c’è anche quella legata a Nicolò Zaniolo.

Zaniolo è al centro dei riflettori per le sue vicende extra campo…
“La vita privata è sacrosanta, bisognerebbe lasciarla lontana dai riflettori ma molto spesso sono proprio i protagonisti a renderla pubblica tramite i social. Molti giocatori si risentono di questa attenzione mediatica alla vita privata, molte volte sono loro stessi a suscitare interesse e curiosità. Per quanto riguarda Zaniolo le sue vicende extra campo sono delicate, per questo gli farebbe bene concentrarsi solo sul recupero”.

Come considera il ragazzo?
“Zaniolo ha un grande talento ma a volte non è tutto e non basta. Il talento è un dono della vita che deve essere sfruttato e non buttato. Potrei elogiare Nicolò a lungo, è un giocatore strepitoso, ma il mio intervento deve essere costruttivo: in ogni partita l’ho visto stanco verso il settantesimo minuto. Questo è un problema se si vuole diventare migliori”.

Da cosa può essere dovuto?
“Da una o più condizioni: gli allenamenti, l’alimentazione, i comportamenti, il lavoro quotidiano. Un giocatore della sua età dovrebbe essere fresco fino al termine della partita. Invece è sempre stanco e provato. Deve risolvere questo problema: se ci riesce può diventare uno dei migliori al mondo nel suo ruolo”.

Stanchezza fisica o mentale?
“Il suo è molto probabilmente un problema mentale e deve risolverlo al più presto per non buttare via il suo talento. Non deve gettarsi via perché oggi ci sono tanti modi per fare il calciatore: puoi essere serio, puoi essere meno serio, puoi fregartene e prendere milioni scendendo in campo solo in allenamento. Ci sono giocatori che fanno come vogliono, Nicolò ha però dimostrato di avere la fame di chi vuole diventare un giocatore importante”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa