Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Un pirata di nome Lorenzo

Prestazione importante del numero sette giallorosso

Quando il campo diventa un Mare dei Sargassi, questo è l’unico modo di vincere le partite. L’abbordaggio cieco e furioso, l’ira contro la corrente che tira sotto. Servono i pirati oppure gente capace di diventarlo alla bisogna.
A noi, e più ancora supponiamo a Fonseca, ha scaldato il cuore Lorenzo Pellegrini, uno che vestito da pirata non lo immagini nemmeno alla recita delle scuole scuole. Bravo sì, quando lo lasciano manovrare e questo nelle partite vere non accade mai. Delizioso a vedersi, quanto un micio infiocchettato a una mostra. Campione da laboratorio, non da competizione. Vero? Ebbene, no.

Eccolo lì, a vivere da mediano in mezzo alla palude, a recitare le  parti di appoggio dietro l’attaccante e finalmente nella posizione avanzata e preferita a illuminare i momenti di buio e di oblio del gioco romanista.
Su un terreno che equamente inghiottiva due squadre con in testa la simile ossessione di far correre la palla, Pellegrini e Mkhitaryan ci riuscivano comunque, inconsapevoli di essere circondati da sabbie e alghe. Con Dzeko tornato a segnare come da istruzioni per l’uso, il terzo posto della Roma è meno evanescente di quello che si pensi. Lo scrive “Il Corriere dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa