Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Il centrocampista intelligente: cresce l’autorevolezza di Villar

Il giovane spagnolo sempre più protagonista

Lo amano già. Non solo per la faccia da bimbo che quasi stona con la personalità e la determinazione che sfoggia sul campo. Gonzalo Villar è ormai la stella del web romanista. Al punto che ormai ogni commento a lui dedicato gli viene recapitato con la “chiocciola”, sperando nella sua risposta. Che spesso arriva, come dopo la partita contro la Sampdoria. Quando un appassionato gli ha chiesto di una possibile convocazione di Luis Enrique nella nazionale spagnola, ha replicato scherzando: “Speriamo abbia Dazn…”.

Poco importa che domenica non avesse giocato la sua migliore partita. Ormai Villar è un talento che i social tifosi della Roma hanno preso sotto la loro ala protettrice. E questo vento di pareri virtuali ne aumenta l’autostima. Se avete notato, il suo modo di stare in campo è sempre più autorevole. Da nostromo esperto si sbraccia per indicare la rotta anche quando non ha il pallone tra i piedi o non detta il passaggio. Villar è un centrocampista intelligente che la Roma è stata brava a scovare nella seconda divisione spagnola. Ha dovuto mordere il freno per mesi, Gonzalito, lavorare sempre più duro per attirare l’attenzione di Fonseca ma adesso si è preso il posto da titolare. Lo scrive “Il Corriere dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa