Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Fonseca: “Che coraggio, peccato per il black out”

Il tecnico portoghese analizza la sfida con l’Inter

Sentimenti contrastanti nell’analizzare il pari con l’Inter. Il terzo scontro diretto personale con Conte non ha ancora decretato un vincitore, ma nonostante la rimonta nel finale Fonseca ha una punta di amarezza per come è andato il primo big match del 2021: “E’ difficile per me commentare questa partita, abbiamo fatto un bel primo tempo, poi siamo calati e dopo il loro secondo gol siamo tornati ad essere quelli dell’inizio. Abbiamo avuto 15-20 minuti nel secondo tempo che sono stati fatali e che non ho capito, abbiamo perso le distanze e l’aggressività, abbassandoci. Il risultato finale è giusto, ci sta il pareggio“.

Il portoghese sa che dovrà lavorare per far fare il salto di qualità al gruppo nella gestione del match, soprattutto per la grande qualità di colpire spesso il primo tempo. “La squadra ha dimostrato grande carattere e un coraggio impressionante. Dobbiamo capire che quando facciamo gol non possiamo pensare a difendere, ma dobbiamo essere sempre la stessa squadra. Mi è sembrato che la squadra abbia fatto un gol e pensato a conservare il risultato, questo non lo voglio“. La testa di Fonseca è ora concentrata sul derby con la Lazio: “Sarà difficile, sono una grande squadra. Dobbiamo mantenere la continuità per 90 minuti”. Lo scrive “Il Tempo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa