Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

La moviola: Di Bello impreciso. Lukaku-Smalling, che errore i gialli

La moviola dell’arbitraggio di Di Bello

Non benissimo Di Bello, al quale Rizzoli continua a dare fiducia incondizionata. Non ci sono episodi complicati nelle aree e l’aiuto dell’assistente numero uno, Preti, è praticamente nullo. Un dubbio sull’1-1 dell’Inter e sul 2-2 della Roma. Chiude con 29 falli e 6 cartellini, uno inventato. La rete del pareggio nerazzurro nasce da un angolo contestato dalla Roma: sul contrasto Hakimi-Spinazzola arrivano entrambi contemporaneamente sul pallone, la cui direzione sembra suggerire un ultimo tocco di Spinazzola.

L’angolo del gol di Mancini nasce da un tiro dello stesso difensore, parato da Handanovic e poi mandato fuori da Kolarov: da verificare la posizione del difensore giallorosso, prima di ricevere il pallone da una deviazione su un tiro di Dzeko, rispetto a Young. Non essendoci stato il gol il Var non poteva intervenire. Ok il gol dell’1-0, Veretout recupera il pallone su Barella senza commettere fallo. Un errore il giallo a Lukaku: l’intervento su Smalling è sul pallone, poi tocca anche il giocatore. Ci stava la punizione, ma non il cartellino. Ancora più grave l’ammonizione a Smalling, lui e Lukaku si tengono entrambi, l’improvvido Preti segnala un fallo del giallorosso che non esiste. Lo scrive “Il Corriere dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa