Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Mancini contento a metà: «Non bisogna prendere quei gol»

Il difensore non del tutto sbagliato

Il suo gol nel finale ha evitato alla Roma una sconfitta che avrebbe avuto un impatto negativo sul morale oltre che sulla classifica, ma la prestazione di Gianluca Mancini sarebbe stata più che positiva anche senza segnare. «Si dice  che la Roma cali nel secondo tempo, in realtà lo fanno tante squadre giocando ogni tre giorni. Siamo stati bravi a rialzare i ritmi a fine partita, però dobbiamo essere bravi a non prendere gol quando invece li abbassiamo: per migliorare e restare in alto in classifica bisogna crescere e non prendere quei gol».

Come era capitato con Atalanta e Napoli: «Quella partite ci sono servite da lezione. Erano state bruttissime, dopo avevamo parlato tra di noi e con il mister. Si possono commettere errori, ma non si possono ripetere, altrimenti non si è intelligenti. Con l’Inter abbiamo preso un “uno-due”, ma alla fine potevamo anche cercare qualcosa di più. Ci abbiamo provato, però, purtroppo, non ci siamo riusciti». Lo scrive “Il Corriere della Sera”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa