Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Pau Lopez torna a splendere: «Voglio restare qui a lungo»

Il portiere giallorosso autore di una grande prova

Quelle due parate lì probabilmente valgono molto più del punto finale. Gli interventi super di Pau Lopez su Lukaku prima e Lautaro poi possono davvero aver ridato a Pau Lopez la fiducia che cercava oramai da tempo. E la Roma, probabilmente, può aver ritrovato il portiere che tanto gli era piaciuto nel corso della prima parte della scorsa stagione.

Fino all’erroraccio nel derby, che lo ha mandato giù di testa. Ecco, lì Pau ha perso qualcosa, le parate di ieri possono invece averglielo restituito. Ad iniziare proprio dal derby, quello di venerdì prossimo, dove Pau Lopez sarà ancora lì, a difesa dei pali della Roma. Un’occasione unica per chiudere il cerchio e cancellare per sempre la stracittadina dello scorso 26 gennaio. «Ma non credo che una partita possa cambiare la storia di un giocatore», dice alla fine lo spagnolo.

Bisognerà capire dove potrà arrivare la Roma e dove si ritroverà lui, a fine stagione. «Per quanto riguarda la squadra è ancora presto per dirlo, mancano tante partite, alla fine vedremo dove saremo. Per quanto riguarda me, invece, la scorsa stagione non ho fatto bene e Fonseca ha scelto di far giocare Mirante. Sono tranquillo, penso solo ad allenarmi bene ed a sfruttare le occasioni. Ho faticato tanto per arrivare in un club importante come la Roma, non mollerò tanto facilmente. Voglio restare a Roma ancora a lungo». Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa