Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

I piani di Pinto: “Nessuna star, ma c’è la voglia di vincere”

Le prime parole in giallorosso del nuovo general manager

Scaltro, spigliato, per alcuni versi anche furbo. Di certo sicuro di sé e voglioso di lasciare il segno. Tiago Pinto si è presentato così ieri ai tifosi giallorossi, lui che è il nuovo general manager della Roma. Rispondendo a tutto senza rispondere davvero a nulla in particolare. Disegnando i contorni del progetto, ma senza andarci dentro al progetto stesso. Insomma, gestendo la comunicazione.

“Lasciare il Benfica non è stato facile. Ma i colloqui avuti con Dan e Ryan Friedkin mi hanno convinto di poter essere importante per rendere la Roma una squadra competitiva, in grado di vincere dei titoli“. E allora il mirino è proprio lì, ben fisso sulle vittorie. Anche se per arrivarci bisognerà lavorare bene. “Il nostro è un progetto a medio-lungo termine, la cui sostenibilità sarà fondamentale per vincere in futuro con costanza. Un calendario per le vittorie è impossibile da stilare, ma l’ambizione è molto grande. Se tutti noi saremo sempre migliori del giorno precedente, allora arriveranno risultati e titoli. In Italia e in Europa ci sono diversi esempi di squadre che hanno investito tanto e non hanno vinto. Nel calcio non funziona così, noi lavoreremo per rendere la Roma competitiva. Trattenendo i giocatori il più possibile“.

Pinto sarà a capo di tutta l’area sportiva. E lavorerà con la presidenza e gli uomini che sono già a Trigoria. E a chi gli chiede se il ruolo del d.s. sia oramai un concetto un po’ vintage, Pinto risponde così: “In portoghese diciamo che è più importante discutere le cose che il nome delle cose stesse. Avvieremo una gestione diversa di cui io sarò il g.m. ma nessuno sarà una superstar“. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa