Resta in contatto
Sito appartenente al Network

L'angolo dell'avversario

Immobile: “Partita pazzesca, giocata ai massimi livelli. Abbiamo messo la Roma sotto scacco”

L’attaccante biancoceleste: “Questo derby ci darà una forza in più. Questa partita ti dà emozioni forti ma bisogna rimanere sereni”

Ciro Immobile, attaccante della Lazio, è stato intervistato durante il post-partita di Lazio-Roma 3-0. Queste le sue parole:

IMMOBILE A LAZIO STYLE CHANNEL

Il match?
Partita pazzesca, eccezionale, giocata ai massimi livelli. Dobbiamo essere soddisfatti, i nostri tifosi saranno orgogliosi di noi. Questo è stato un derby atipico, viverlo senza tifosi è davvero strano, ma la carica che ci hanno dato fuori Formello è stata molto importante per noi. Abbiamo dato il meglio in campo per renderli fieri di noi. Era importante anche per la classifica e abbiamo dato una risposta da grande squadra.

Motivazioni forti?
Si, ognuno di noi festeggerà in famiglia. Sono felice per l’impegno e l’applicazione che abbiamo messo in campo. Abbiamo messo la Roma sotto scacco, nonostante vivesse un momento importante. Quest’anno abbiamo perso qualche punto approcciando male alcune partite che sulla carta erano semplici. Dovevamo dare una svolta a questo campionato e lo abbiamo fatto in queste tre gare. Non ci bastava più l’ottavo di finale di Champions. Questo derby ci darà una forza in più. Questa partita ti dà emozioni forti e bisogna rimanere sereni perchè l’ansia ti toglie energie. I miei compagni mi hanno servito in maniera eccezionale. Potevo segnare di più, ma arrivavo davanti alla porta davvero stanco per gli scatti che ho fatto. Sul gol Manuel è stato bravissimo, sembrava una palla persa, e invece abbiamo sbloccato la partita.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da L'angolo dell'avversario