Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Derby a senso unico, la Roma è sparita

Derby

Gli uomini di Inzaghi hanno schiantato la Roma

La Lazio si è presa il derby che rischia di spostare, e di molto, l’asse della stagione delle due squadre. Inzaghi l’ha stravinto schiantando la Roma in generale e Fonseca in particolare. Un copione consolidato, lo stesso con cui dominò l’andata di un anno fa e vinse a marzo del 2019. Inzaghi urla a tutti, dall’arbitro ai raccattapalle. Un’immagine che contrastava in modo violento con la silhouette di Fonseca, issato inerte di fronte alla panchina a braccia conserte. Tra i quattro debuttanti della Roma il tributo più alto l’ha pagato Ibanez, ma i volti che resteranno impressi negli occhi dei tifosi della Lazio saranno altri: quello di Lazzari, ispiratore di due reti, e ovviamente quello di Luis Alberto.

Il 2-0 è stato contestato per un fuorigioco forse attivo di Caicedo, che si è scansato a due passi da Pau Lopez, e soprattutto per un precedente fallo di mano di Lazzari. Orsato si è preso la responsabilità di convalidare la rete e non ha avuto bisogno di andare al monitor: “Ho visto, confermo“, il labiale al VAR Mazzoleni. La questione sarebbe argomento soltanto se la Roma fosse materialmente scesa in campo e invece l’ha vissuto come fosse un fastidio, obbligando Reina a fare la prima parata poco prima del 90esimo. Lo scrive “La Repubblica”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa