Resta in contatto

Rassegna Stampa

Dominio netto nella sfida della capitale, giallorossi mai in partita

Giallorossi non pervenuti all’Olimpico

La Lazio non ha sconfitto la Roma, la Lazio s’è abbattuta sulla Roma. Ha segnato tre gol, poteva metterne dentro cinque o sei. Ha fatto quello che ha voluto, giocando per 90’ un derby allo stesso modo, a «suo» modo, senza che dall’altra parte si manifestasse un segnale di vita, un tentativo di contromossa, il flebile rumore di una reazione. Zero.

Appena la rivale è di prima fascia le cose cambiano, le gambe tremano, le idee si fanno confuse. Simone Inzaghi ha dominato il confronto tecnico con Fonseca. Un abisso. D’accordo che il rischio è dare un giudizio universale dopo ogni partita, ma per la Roma non siamo più al fatidico terzo indizio che fa una prova. Siamo alla certificazione ministeriale che qualcosa non va.

I primi due gol sono arrivati sull’assalto di Lazzari in versione Ufo, conclusi da Immobile e Luis Alberto. Con Ibanez nel panico e trapassato due volte, Smalling a guardare come le stelle e gli altri lontani. Sulla seconda rete, per la verità, le telecamere dopo il 90’ «trovano» un mani, ma cambia poco. Non c’è mai stata partita.

E mentre Inzaghi dopo il 2-0 si permetteva il lusso di cambiare, normalizzando la posizione dei suoi in un più canonico 3-5-2, attenti e chiusi, per poi ripartire in contropiede velocissimi, Fonseca continuava con gli stessi, logori, principi. Non c’era un giallorosso da sufficienza, da Smalling a Veretout, da Spinazzola a Mkhitaryan stesso, tutti molli, arresi, senza idee, e non si capisce se siano stati i singoli a deprimere il collettivo o viceversa. Il primo tiro in porta della Roma arriverà solo all’85’ con Edin Dzeko. In classifica, la Lazio ha ancora 3 punti in meno. Alla Roma serve una reazione e una svolta. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

Francesco Totti: uomo, capitano e leggenda

Ultimo commento: "Grande uomo, grande calciatore, spero veramente di conoscerlo un giorno per ringraziarlo. Grazie di tutto capitano 💛❤️"

Nils Liedholm

Ultimo commento: "Nostalgia assoluta per quello che ha fatto per la società, per la squadra ed anche, per me soprattutto, per noi tifosi, ci ha insegnato molto. Non..."

Daniele De Rossi

Ultimo commento: "DDR Allenatore per la prossima stagione!"

Giuseppe Giannini

Ultimo commento: "Grande Principe!"

Agostino Di Bartolomei

Ultimo commento: "Agostino DIBBBA il capitano di quando ero bambino..il primo capitano che ho visto allo stadio !!forse per questo ho un ricordo speciale!!!assurdo come..."
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa