Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Passione derby oltre l’isolamento: il bagno di folla è vicino ai pullman

Scene di delirio a Trigoria

Il derby del vuoto si è rivolto al suo serbatoio di passione per resistere alla tristezza, per trovare lo stesso una ragione sociale e allontanarsi dai social. Decine, centinaia di tifosi hanno passato un pomeriggio pazzo e travolgente a molti chilometri dallo Stadio Olimpico per dare la carica alle rispettive squadre.

Il derby ha fatto saltare improvvisamente tutti i paletti imposti dal governo per contrastare la pandemia. Per carità, quasi tutti i tifosi che hanno partecipato avevano addosso la mascherina. Ma il principio del distanziamento raccomandato dalle forze dell’ordine presenti è saltato in pochi minuti.

Il delirio, di qua e di là, si è raggiunto quando sono partiti i pullman. Di qua i tifosi a filmare e incitare, da sopra i giocatori e lo staff tecnico ad ammirare e anche loro a riprendere la scena. A Trigoria hanno esagerato con la fantasia logistica, sollevando un drappo griffato ASR attraverso una gru. In questo modo la squadra, che era ancora all’interno del Bernardini per la merenda e la riunione tecnica, è stata coinvolta nello spettacolo di suoni e colori. E non è finita: alcuni romanisti si sono incontrati a Ponte della Musica, lato Foro Italico, per aspettare il bus della squadra. La Roma, con un tweet, ha ringraziato i suoi tifosi. Lo scrive “Il Corriere dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa