Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Gould (Retexo Intelligence): “Tutti i nostri consigli si basano su dati raccolti negli ultimi dieci anni”

Le parole dell’imprenditore a capo della Retexo Intelligence

Tiago Pinto, ufficializzato a novembre come nuovo General Manager della Roma, è stato scelto dai Friedkin a seguito di una lunga selezione avviata attraverso un partner esterno: la Retexo Intelligence, società di consulenza sportiva guidata da Charles Gould, 36 anni, inglese che vive negli States e che ha rilasciato un’intervista al quotidiano portoghese Record, senza però rivelare, per un contratto di riservatezza con i Friedkin, come è arrivato all’indicazione di Tiago Pinto:

Sono nel calcio dal 2010 e ho aiutato le società di calcio ad assumere direttori sportivi, direttori del settore giovanile e direttori del marketing, ma non solo. L’ingresso di nuovi proprietari ha cambiato l’industria del calcio, perché sono persone che hanno fatto soldi e vogliono fare affari nel mondo del calcio, per questo ho fondato Retexo Intelligence per aiutare questi investitori a strutturare, operare e costruire team all’interno delle loro organizzazioni. Tutti i nostri consigli si basano sui dati raccolti negli ultimi dieci anni, prima ancora non li consideriamo rilevanti. Nessuna azienda sul mercato fa questa ricerca o ha questa conoscenza. Lavoriamo per club e proprietari di club“.

Poi prosegue: “Per trovare un allenatore o un preparatore atletico di un grande club, dove ci sono giocatori di grande reputazione, è importante trovare qualcuno che sia rispettato, e questo si ottiene parlando con giocatori che sono stati allenati da queste persone in passato. Nell’area tecnica è essenziale guarda la disciplina: quale sistema usi, lo stile di gioco. Se sei qualcuno che gestisce il reparto infortuni, ovviamente vedi la cronologia degli infortuni nei club in cui hanno lavorato. Per lo scouting e il reclutamento dei giocatori, guardiamo la cronologia degli acquisti, i soldi investiti e li confrontiamo con la conseguente prestazione di quei giocatori. Ci sono molte persone che hanno comprato giocatori molto costosi che non hanno mai fatto bene, e se ciò accadesse in un’altra professione sarebbe inaccettabile, non sembra che sia così nel calcio, perché c’è meno informazione pubblica, ma è importante vedere la performance finanziaria, tra gli altri aspetti“.

Infine, un riepilogo del requisito principale. “Reclutare qualcuno è facile, si può fare a occhi chiusi. Ciò che è difficile è sapere con chi è la persona giusta con cui parlare, si tratta più di ricerca e analisi che di reclutamento. Se non ho un rapporto con la persona, come posso consigliare il mio cliente sul potenziale del candidato in un’organizzazione?“.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News