Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Roma Primavera

Alberto De Rossi: “Se noi vogliamo giocare per la Prima Squadra, dobbiamo migliorare”

“Bisogna essere pronti in questa categoria, al momento non ci riusciamo. I calci da fermi ci danno veramente fastidio”

Alberto De Rossi, allenatore della Roma Primavera, ha parlato ai microfoni di Roma TV dopo la sconfitta agli ottavi di Coppa Italia contro l’Hellas Verona.

Difficile commentare una sconfitta così…
“Si sono ripresentate le stesse difficoltà quando la partita si mette in un certo modo, oltre alla questione tecnica sui calci da fermo che sta diventando quasi cronica. I ragazzi venivano da una prestazione molto buona con il Torino, dobbiamo anche allenare il morale perché non è possibile prendere gol da calcio da fermo e non trovare soluzioni con le squadre chiuse. A parte un paio di partite, tutte le partite che abbiamo disputato le abbiamo fatte con squadre chiuse. Perdiamo fiducia, rallentiamo le azioni e perdiamo anche equilibrio”.

Si deve lavorare dal punto di vista mentale?
“Se noi vogliamo giocare per la Prima Squadra, dobbiamo migliorare. Noi dobbiamo portare i calciatori nella rosa della nostra Prima Squadra e bisogna essere pronti in questa categoria, al momento non ci riusciamo. I calci da fermi ci danno veramente fastidio, lavori tutta la settimana, ti alleni e poi basta un angolo e la partita sembra segnata”.

C’è la necessità di ripartire…
“Una sconfitta non è che alteri chissà che cosa, noi continuiamo ad allenare i ragazzi. La Coppa Italia è sempre stata un obiettivo, ne abbiamo vinte diverse e sono manifestazioni che arrivi subito al rush finale, ma non interrompe i nostri obiettivi”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Roma Primavera