Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Segnali di pace

Riavvicinamento tra Dzeko e Fonseca

Primi passi in avanti nel riportare uno status di pace tra Dzeko e Fonseca. Nel giorno che ha inaugurato la settimana di lavoro a Trigoria in vista della gara con la Juventus è andato in scena un chiarimento tra l’allenatore e il bosniaco, che sin dall’eliminazione in Coppa Italia con lo Spezia non si era più allenato con il resto dei compagni e si era visto togliere la fascia di capitano a favore di Pellegrini. Tra Dzeko e Fonseca c’è stato dunque un riavvicinamento, che ha portato l’ex City ad essere reintegrato al gruppo: il numero 9 si è allenato insieme ai calciatori che non hanno giocato dall’inizio col Verona. L’opera di riconciliazione non può definirsi conclusa, perché è ancora da risolvere il “tema fascia”.

Il tecnico ha ribadito che i gradi resteranno sul braccio di Pellegrini, mentre l’attaccante vuole avere di nuovo quel riconoscimenti di leader dello spogliatoio. Oggi in programma il faccia a faccia decisivo per colmare la distanza tra i due e risolvere una volta per tutte la questione sospesa. Nel frattempo è arrivata l’attesa notizia negativa su Smalling, che ieri si è sottoposto ad una risonanza. Il difensore ha rimediato una lesione al flessore della coscia sinistra e sarà costretto a fermarsi per almeno 15-20 giorni. Salterà quindi l’impegno di sabato e quello in Europa League contro lo Sporting Braga. Inoltre è stata consegnata la lista Uefa, che vede l’uscita di Fazio e Jesus rispetto a quella presentata nei gironi. Fonseca ha scelto di inserire El Shaarawy e Fuzato e di non effettuare il terzo cambio concesso per Reynolds, che non potrà quindi essere impiegato. Lo scrive “Il Tempo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa