Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Emergenza fantasia: la Roma si trasforma

Prove di 3-5-2 a Trigoria

Non potendo contare sull’ormai imprescindibile Pellegrini, Paulo Fonseca riflette sull’aspetto tattico migliore in vista di Juve-Roma. Paradossalmente i giallorossi si trovano scoperti proprio nel ruolo dove c’è più abbondanza: da Mhitaryan a Pedro, passando per Perez, Zaniolo e Pastore, fino ad arrivare allo stesso Pellegrini e all’ultimo arrivato El Shaarawy. La trequarti pullula di talento, ma solo l’onnipresente Micki va considerato abile e arruolabile per la trasferta di sabato a Torino. A disposizione ci sarebbe anche Carles Perez, ma lo spagnolo appare indietro nella scala delle priorità tecniche e si giocherà tutto nei prossimi allenamenti.

Dunque, ecco la novità: a Trigoria sono andate in scena prove di 3-5-2. Un modulo non troppo distante dal 3-4-2-1 utilizzato da luglio, se non fosse che aggiunge un centrocampista al posto di un trequartista avvicinando l’altro fantasista alla punta centrale. La Roma quest’anno ha giocato con questo assetto nella vittoria per 5-0 contro il Cluj.

Fonseca sta maturando in queste ore l’idea che il 3-5-2 possa dargli una maggiore solidità nel cuore del gioco. La novità gli consentirebbe infatti di iniziare la partita con Cristante insieme a Villar e Veretout a centrocampo, in modo quindi di arginare il palleggio dei bianconeri di Pirlo. Sulle fasce saranno confermati i titolari Karsdorp e Spinazzola, mentre in difesa toccherà a Kumbulla riempire il vuoto lasciato dall’infortunato Smalling. Con Mancini inamovibile sul centro-destra, il leader del reparto sarà Ibanez. Lo scrive “Il Corriere dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa