Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Giannini: “Dzeko non pensi alla fascia ma soltanto a giocare bene”

Le parole dell’ex giallorosso

Giuseppe Giannini, ex calciatore giallorosso e capitano, ha parlato a “Il Messaggero” sul momento attuale della Roma e sul caso Dzeko-Fonseca.

Come spiega la soddisfazione di alcuni giocatori della Roma dopo la partita persa contro la Juventus?
Sono andati a Torino e hanno fatto giocare di rimessa e di attesa una squadra che per otto anni ha sempre ammazzato il campionato e ha Ronaldo.

E’ sufficiente?
Per i giovani che erano in campo forse sì, ma poi alla fine contano risultato e classifica. Mayoral, Villar e Veretout non hanno un grandissimo curriculum e ci sta che la vedano positiva, ma devono capire che da sempre Roma-Juve è una sfida sentita.

Resta il problema di non saper vincere contro le grandi…
Il derby ha levato certezze alla squadra portando amarezza e delusione perché è stato perso senza lottare. Questo può anche essere il motivo per cui i giocatori valutando Juve-Roma hanno avuto la sensazione che sia stata una partita positiva.

Tra i soddisfatti anche Fonseca, come lo giudica?
Fino a dieci giorni fa la Roma era terza in classifica, viaggiava con il vento in poppa. In partita ha fatto cose buone e altre che mi hanno lasciato perplesso.

Quindi non l’hanno convinta?
Ad esempio ho notato in lui la capacità di cambiare il corsa il modulo, da difesa a tre a quella a quattro.

Che idea ha sul caso Dzeko?
Era già scoppiato l’anno scorso e andava affrontato. Penso lo abbiano fatto a inizio stagione per ripartire con tranquillità. Se non è successo, allora è stata una leggerezza perché alla fine è venuta di nuovo fuori.

Edin ha perso la fascia come accadde a lei nel ’92. Cosa si prova?
Un giocatore deve essere consapevole che, se vai in conflitto con l’allenatore, puoi rischiare quello che è successo a me o a Dzeko. Anche se non è una cosa bellissima. A essere onesti, però, il calciatore deve fare il calciatore. Può dire quello che pensa in società, al ds o al tecnico in separata sede.

Può condizionarlo?
Non credo, stiamo parlando di un giocatore che ha esperienza. Come immagine non è stata bella da vedere: il club doveva prendere per forza delle decisioni.

E’ stato corretto pensare allo scambio con Sanchez?
Io non ci ho mai creduto perché sono due giocatori totalmente diversi, sarebbe stato illogico. Fonseca sa che Dzeko è fondamentale perché non c’è un centravanti con le caratteristiche e i numeri che ha lui. L’allenatore deve cercare di reintegrarlo e sfruttarlo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa