Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Deferiti Lotito e la Lazio

Club biancoceleste deferito per violazione dei protocolli anti-Covid

Si attendeva una decisione, è arrivata. Il procuratore federale ha deferito la Lazio, il suo presidente Claudio Lotito ed i medici Ivo Pulcini e Fabio Rodia per violazione dei protocolli sanitari Figc anti-Covid. La società biancoceleste è finita nel mirino della Procura a seguito dei tamponi fatti in vista degli incontri di Champions League con Brugge e Zenit e quello di campionato contro il Torino. Le accuse riguardano la mancata comunicazione alla Asl e la partecipazione di giocatori agli allenamenti che hanno preceduto le partite.

Ora si andrà al processo, con la Lazio che rischia dall’ammenda alla retrocessione (caso limite), passando per sconfitta a tavolino e la penalizzazione in punti. Il portavoce del presidente, Roberto Rao, ha precisato che “Si tratta di una questione relativa all’interpretazione delle norme che riguardano la disciplina che governa la materia del Covid-19, sia sotto il profilo dell’onere della comunicazione all’autorità sanitaria sia sotto il profilo dell’interpretazione applicativa di alcuni parametri dei protocolli sanitari. Confidiamo nella giustizia sportiva affinché venga ristabilita la corretta ricostruzione dei fatti e venga riconosciuta la totale estraneità rispetto agli addebiti contestati“. Lo scrive “Il Tempo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa