Resta in contatto

Mimmo Ferretti

Braga-Roma 0-2: Edin & Borja, uno-due e via. Le pagelle di Mimmo Ferretti

I giallorossi trovano in Portogallo un risultato prezioso

PAU LOPEZ  6

Lo spagnolo, ormai, non esce più. Almeno dalla formazione titolare. Gerarchie capovolte, anzi stravolte rispetto a qualche settimana fa. Elegante amministrazione del pallone, con mani e piedi, nella prima frazione. Secondo tempo da spettatore non pagante con un liscione (innocuo) di piede…

MANCINI  6,5

Parte sul centro-destra della difesa a tre e lì rimane anche dopo l’uscita di Cristante. Che lo porta ad avere i gradi di capitano sul braccio. Quando anche Ibanez deve lasciare il campo, va a fare il centrale dei centrali. Bene, sempre e comunque. Tranne quando si fa ammonire in pieno recupero, per il solito fallo a metà campo.

CRISTANTE  SV

Eccolo al centro della difesa a tre, come accaduto domenica passata contro l’Udinese. Giusto il tempo di difendere bene e far ripartire la Roma nell’azione che porta Dzeko al gol prima di uscire per infortunio.

IBANEZ  6,5

Recuperato (anche ) per stringente necessità, il brasiliano parte sul centro-sinistra poi, uscito Cristante, va al centro. Tampona, chiude e dà sicurezza fino al cambio. Per infortunio. Ahi…

KARSDORP  6+

Gara tattica, la sua, lì a destra. Molto di controllo in fase difensiva, nel primo tempo. Uscito anche Ibanez, deve fare il centrale di destra. E non sfigura.

VERETOUT  6,5

Tatticamente prezioso, sbaglia qualche facile pallone di troppo in fase di ripartenza. Peccato. Nel secondo tempo si ritrova a fare l’esterno a destra. E dà l’assist a Borja-gol. Bravo.

DIAWARA  6+

Di nuovo titolare, dopo la pessima prova di Sofia, Amadou innesta subito Spinazzola che manda in gol Dzeko. Molto basso, quasi libero davanti alla difesa, a seguire. Compitino fatto bene, specie con gli avversari in 10.

SPINAZZOLA  6,5

Scalda i motori e sprinta, fornendo l’assist per Dzeko-gol. Poi, uscito Cristante, va a fare il centrale di sinistra nella difesa a tre. E fa buone cose.

PEDRO 6+

Dal primo minuto, lo spagnolo non giocava dalla partita di campionato contro il Cagliari (23 dicembre). Ha gamba e voglia di divertirsi e si vede, appoggiando continuamente l’azione di ripartenza. Va in gol: annullato.

MKHITARYAN   6+

Poco lucido in zona gol, l’armeno. Nel primo tempo ha sui piedi un paio di palloni per raddoppiare, ma sbaglia scelta e tempo. Quando segna, gli annullano la rete. Poi spara in curva un pallone d’oro. Innesta bene Veretout, invece, nell’azione che porta al gol di Borja Mayoral.

DZEKO  7

L’ex capitano impiega meno di cinque minuti per far capire al mondo di esser ancora un bomber di razza. Strepitoso il suo tocco d’esterno destro per il vantaggio della Roma (gol numero 115 in giallorosso). Con la Roma in superiorità numerica non capitalizza un’occasione complicata poi viene sostituito.

BRUNO PERES  5,5

Entra a freddo al posto di Cristante e prende il posto di Spinazzola sulla fascia sinistra. Un po’ troppo anonimo. Attacca poco e male anche in superiorità numerica. Il motivo?

VILLAR  6+

Al posto di Ibanez, ma si piazza a centrocampo. E fa subito restare il Braga in 10. E così comincia a macinare geometrie.

BORJA MAYORAL 7

Per Dzeko dopo 70 minuti di gioco. Segna lo 0-2 (10° gol stagionale) da centravanti scaltro. Non male, no?

EL SHAARAWY  SV

Rileva Pedro, per il secondo esordio in giallorosso.

FONSECA 7

Cambia tre uomini rispetto alla formazione di campionato contro l’Udinese, deve arrangiarsi dopo il ko di Cristante e deve farlo ancor di più dopo l’uscita di Ibanez: la Roma, nonostante tutto, vince e ipoteca il passaggio del turno.

 

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Mimmo Ferretti