Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Cosmi: “A parità di condizione fisica tutte le persone sane di mente sceglierebbero Dzeko a Mayoral”

L’allenatore, intervenuto ai microfoni di Sky Sport, ha parlato della concorrenza fra le due punte

Edin Dzeko o Borja Mayoral? Un vero dilemma che nelle ultime settimane ha colpito anche Paulo Fonseca, tecnico della Roma. Il giocatore spagnolo sembra – attualmente – quello più in forma tra i due, con 4 gol e 1 assist nelle ultime 5 partite, ma anche il 9 giallorosso, appena tornato in campo dopo il famoso diverbio con l’allenatore, sembra aver dato ottime risposte in Braga-Roma di Europa League, tornando al gol dopo soli 5 minuti di gara.

Ai microfoni di Sky Sport, è intervenuto Serse Cosmi, il quale ha spiegato il motivo  per cui preferisce Dzeko a Mayoral: “Tutte le persone sane di mente, a parità di condizione fisica, preferirebbero Dzeko a Mayoral. Ma il bosniaco deve stare bene sia fisicamente sia mentalmente. Ora Fonseca può scegliere chi è più funzionale e chi dimostra di più in allenamento. L’allenatore può anche pensare di alternarli mantenendo alto il livello e magari in certe occasioni può farli giocare addirittura insieme. La questione legata alla fascia da capitano piace molto ai giornalisti, è una situazione che va decisa tra allenatore e società. Il ruolo di Dzeko all’interno dello spogliatoio può rimanere immutato, a prescindere dalla fascia”.

      8 Commenti
      Subscribe
      Notificami
      guest

      8 Commenti
      Inline Feedbacks
      View all comments
      Advertisement

      I MITI GIALLOROSSI

      L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

      Agostino Di Bartolomei

      Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

      Aldair

      “Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

      Bruno Conti

      E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

      Daniele De Rossi

      Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

      Francesco Totti

      IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

      Giuseppe Giannini

      Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

      Paulo Roberto Falcao

      IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

      Rudi Voeller

      SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

      Sebino Nela

      Advertisement

      Altro da News