Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Il debutto di Mayoral, il primato ed i precedenti: le curiosità su Benevento-Roma

Ecco 10 curiosità sul match di domani

La Roma, sul proprio sito web, ha stilato una lista di 10 curiosità sulla partita tra Benevento e Roma che si giocherà domani sera alle 20.45 valida per la 23esima giornata di Serie A. Qui di seguito sono riportate queste curiose statistiche sul prossimo match:

3 le sfide passate

La Roma ha vinto tutte le tre sfide di Serie A contro il Benevento (gli unici incontri in gare ufficiali tra i due club), due in casa e una in trasferta, con un punteggio complessivo di 14-4.

Un precedente a febbraio

Per la prima volta, la Roma affronterà il Benevento al turno numero 23 di campionato, mentre non sarà un inedito nel mese di febbraio. L’unico precedente nel secondo mese dell’anno è datato 2018, al giorno 11: Roma-Benevento 5-2.

Mayoral debuttò all’andata

2 esordienti della Roma nei match contro il Benevento. In Benevento-Roma 0-4, andata del campionato 2017-18, fa il suo debutto dal primo minuto il centrocampista francese Maxime Gonalons. Nella gara di andata del torneo 2020-21, invece, Roma-Benevento 5-2, esordisce l’attaccante spagnolo Borja Mayoral subentrando a Edin Dzeko nella ripresa.

Il primato romanista contro le neopromosse

La Roma detiene il record nella storia della Serie A sia per vittorie consecutive (attualmente 26) contro squadre neopromosse sia per gare in gol di fila (53) contro formazioni provenienti dal torneo cadetto.

Un incrocio tra Fonseca e i campani

Si tratta della partita d’andata, terminata 5-2 per i giallorossi. In questa occasione fu anche il primo incrocio in gare ufficiali nella carriera dei due allenatori, Paulo Fonseca e Filippo Inzaghi. Quanto all’allenatore avversario, la Roma, contro l’ex attaccante di Juventus e Milan, ha vinto una volta. Nelle altre sfide, invece, 2 successi per Inzaghi (da tecnico del Milan e del Bologna) e 1 pareggio (Roma-Milan 0-0, 2014-15).

100% contro le squadre nel lato destro della classifica

La Roma è l’unica squadra nei cinque maggiori campionati europei in corso ad aver registrato il 100% di vittorie contro squadre attualmente nella metà bassa della rispettiva classifica (11 vittorie su 11).

Manca la vittoria in trasferta da due turni

In campionato, la Roma non vince in trasferta da due partite consecutive. Sia nel derby con la Lazio (fuori casa da calendario), sia con la Juventus i giallorossi hanno raccolto solo sconfitte. L’ultima affermazione lontano dall’Olimpico risale al 6 gennaio 2021, Crotone-Roma 1-3. Ad oggi, su 10 trasferte, il ruolino dei giallorossi è di 4 vittorie, 1 pareggio, 5 sconfitte, per un totale di 13 punti raccolti. L’unico pari è quello con il Milan a San Siro, gara finita per 3-3.

In cerca del secondo clean sheet

In caso la Roma uscisse dal campo del Benevento senza subire gol, replicherebbe il clean sheet della partita precedente contro l’Udinese (3-0) e sarebbe un inedito per la squadra di Fonseca in questa Serie A. Mai, infatti, per due partite di fila in campionato la formazione della Capitale è riuscita a non subire gol in queste prime 22 giornate.

3 giocatori in doppia cifra, non succedeva dal 2017

La Roma ha già 3 giocatori in doppia cifra di gol tra Serie A e coppe: Mayoral, Mkhitaryan e Veretout, 10 reti a testa. Dzeko è a 9 realizzazioni. Un fatto del genere (almeno 3 calciatori) non succedeva dal 2016-17: si chiuse la stagione con 4 elementi della rosa in doppia cifra: Dzeko (39), El Shaarawy (12), Nainggolan (14) e Salah (19).

Veretout a quota 9

Segnando un gol, Jordan Veretout può diventare il secondo centrocampista francese ad andare in doppia cifra di reti in una stagione di Serie A, dopo Michel Platini che ci è riuscito per 4 volte.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News