Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Perché nella Roma di Fonseca non possono giocare insieme Dzeko e Mayoral?

Il tecnico Paulo Fonseca scettico sulla possibilità di schierare insieme le due punte

La staffetta a Braga ha funzionato alla perfezione: prima è andato dentro Dzeko, poi ha lasciato il posto a Borja Mayoral, ma entrambi sono stati capaci di griffare la partita a fuori con il proprio marchio personale. E cioè il gol. L’alternanza funziona, almeno così sembra.

E andrà avanti ancora, domani sera a Benevento, ma anche la prossima settimana quando la Roma ospiterà allo Stadio Olimpico prima il Braga per il ritorno dei sedicesimi di finale di Europa League e poi il Milan in campionato. Sempre però con il solito dubbio che aleggia sulla scelta: ma i due possono giocare anche insieme o no?

Dzeko e Mayoral hanno giocato insieme solo 25 minuti, tutti concentrati nel derby di ritorno. “Sono due giocatori diversi – ha detto Fonseca – Dzeko è più forte in appoggio, a legare il gioco mentre Mayoral invece cerca più la profondità. Se possiamo vederli immaginare di vederli insieme? Dipende dall’immaginazione..”.

E immaginando possono anche convivere, Dzeko come centravanti di riferimento e Mayoral a giragli intorno. Con il bosniaco a sfruttare anche i palloni alti e lo spagnolo ad andare dentro, attaccando lo spazio, magari sfruttare anche le spizzate di Edin.

Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”

5 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

5 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa