Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

El Shaarawy, la carta in più della Roma

Il Faraone ha già convinto Fonseca

Ventisette minuti in campo e una manciata di allenamenti. Tanto ci ha messo Stephan El Shaarawy a convincere Paulo Fonseca a fidarsi di lui: oggi i due saranno fianco a fianco in conferenza stampa alla vigilia della gara di ritorno dei sedicesimi di Europa League contro il Braga (domani sera alle 21 all’Olimpico, arbitra lo svedese Andreas Ekberg), che per il Faraone potrebbe segnare un nuovo inizio.

Dopo due spezzoni di gara in quattro giorni, infatti, El Shaarawy potrebbe aumentare il proprio minutaggio o addirittura ritrovare una maglia da titolare.  Fonseca si era già innamorato di lui parlandoci al telefono: “Ha caratteristiche – le parole del tecnico portoghese dopo l’ufficializzazione del ritorno di Stephan – che possono aiutare la squadra, ha voglia di giocare nella Roma, questo è molto importante per un allenatore. Sono molto soddisfatto del suo amore per la Roma“.

Ora il suo amore per la Roma proverà a dimostrarlo in campo, dove non farà fatica a trovare una collocazione nonostante l’assenza di esterni offensivi nel 3-4-2-1del portoghese. Domani sera potrebbe giocare al fianco di Pedro, alle spalle del centravanti (Dzeko o Borja Mayoral): che giochi il bosniaco o lo spagnolo, El Shaarawy cercherà di dare il suo contributo, magari tornando al gol che in giallorosso gli manca dal 5 maggio del 2019. Lo scrive “Il Corriere della Sera”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa