Resta in contatto

News

Luis Castro (all. Shakhtar): “Siamo amici con Fonseca, spero di passare il turno”

Il commento del tecnico dello Shakhtar ai margini del sorteggio di Nyon

Luis Castro, tecnico che ha succeduto Paulo Fonseca sulla panchina dello Shakhtar Donestsk, ha commentato il sorteggio degli Ottavi di Europa League. Ecco le sue dichiarazioni:

Sorpreso dal lotto?
“No, il sorteggio non ci sorprende mai. Può essere sorteggiata qualsiasi squadra e dobbiamo essere preparati per qualsiasi rivale. Sul percorso in Champions League abbiamo già avuto enormi difficoltà: alcune le abbiamo superate, altre no. Affronteremo adesso una nuova sfida. Spero che la supereremo con successo”.

La Roma è guidata da Paulo Fonseca. Quanto bene vi conoscete?
“Siamo amici. Abbiamo lavorato insieme al Porto. Quando ha lasciato lo Shakhtar, sono entrato come suo sostituto. È un grande allenatore con una grande conoscenza, le sue squadre esprimono un grande calcio, molto qualitativo. La partita però non sarà contro Paulo Fonseca, ma contro la Roma. E anche Fonseca non giocherà contro Castro, ma contro lo Shakhtar. Entrambe le squadre avranno un chiaro desiderio di avanzare ai quarti di finale. Sarà una tappa molto dura per entrambe le squadre, due incontri molto difficili – prima a Roma, poi a Kiev. Abbiamo grandi speranza di riuscire a passare il turno”.

Fonseca ha lavorato con la maggior parte dei giocatori dello Shakhtar e conosce la filosofia del club. Può essere un problema?
“No. In questi giorni non abbiamo bisogno di lavorare nei club che incontriamo per conoscerli bene. Studiamo i nostri avversari in ogni dettaglio. Paulo conosce il carattere dei giocatori dello Shakhtar. Mentre guardiamo le partite, non sempre possiamo leggere la componente emotiva dei giocatori. Questo è un vantaggio? Vedremo. Al momento lo Shakhtar deve pensare a quello che abbiamo fatto fino ad ora. Dobbiamo affrontare un altro avversario difficile, ma abbiamo già giocato con altre squadre forti e siamo riusciti ad avanzare fino agli ottavi di finale. In 20 partite di Champions League allo Shakhtar, abbiamo fatto 9 vittorie, 6 pareggi e 5 sconfitte; 2 sconfitte contro il Borussia, 1 ciascuna con Inter, Atalanta e Manchester City. Abbiamo incontrato per la nostra strada i giganti europei e abbiamo capito che tutto è possibile. Adesso tutte le porte sono aperte. Per ora, in ogni caso, ci concentreremo su ciò che ci aspetta prima dell’Europa League: partite di campionato e di coppa. Poi passeremo alla Roma”.

Lo Shakhtar ha giocato 6 partite con la Roma e ne ha vinte 4. Ora l’obiettivo è mantenere queste statistiche così positive anche in Europa League?
“L’obiettivo è andare oltre. Possiamo preparare bene queste due partite, ma bisogna andare avanti. Questo è l’obiettivo mio e della squadra. Come possiamo farlo? Vedremo. Le statistiche sono il genere di cose che non sono sempre vere. Per noi allenatori, questo non conta in molti modi. Quando ho parlato del passato, del nostro percorso, è stato per far capire che avevamo già giocato contro avversari molto difficili, e nel calcio tutto accade in modo diverso. A volte abbiamo vinto, altre volte no. Speriamo che questa volta vada tutto bene. Affronteremo queste partite con assoluta calma, ma c’è ancora molto lavoro da fare in campionato e in coppa”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News