Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Focus

La Roma e gli autogol: il primato è condiviso con l’Arsenal

Il triste primato dei giallorossi sulle autoreti è condiviso con i Gunners di Arteta

La Roma e gli autogol, un rapporto diventato sin troppo stretto nel corso di questa stagione.
Con l’autorete di Spinazzola di ieri, i giallorossi ottengono il triste primato di autogol in questo campionato di Serie A.
Insieme al Benevento di Inzaghi, la squadra di Fonseca ha “realizzato” 3 autogol (curiosamente tutti in trasferta): Cristante in Bologna-Roma 1-5, Ibanez in Juventus-Roma 2-0 e Spinazzola in Fiorentina-Roma 1-2.

Estendendo la statistica ai 5 maggiori campionati europei, la quota di 3 autoreti è la più alta in tutte le competizioni. Infatti l’Arsenal, il Wolverhampton e il West Brom in Premier League, il Betis in Liga e lo Schalke 04 in Bundesliga condividono questo curioso dato.

La Roma però detiene il record stagionale in tutte le competizioni, avendo messo il pallone nella propria porta per ben 4 volte. Cristante contro il Braga nel ritorno dei sedicesimi di Europa League, ha infatti consentito ai portoghesi di segnare un gol nella sfida dell’Olimpico beffando Pau Lopez.

Questo record è però condiviso con l’Arsenal, che oltre ai 3 autogol in Premier League, ne ha “realizzato” uno anche il FA Cup. Andiamo a vedere le partite nelle quali i Gunners si sono fatti gol da soli:

Premier League – 8a giornata ARSENAL-ASTON VILLA (aut. Saka)

Premier League – 12a giornata ARSENAL-BURNLEY (aut. Aubameyang)

Premier League – 8a giornata EVERTON-ARSENAL (aut. Holding)

FA Cup – 4° turno SOUTHAMPTON-ARSENAL (aut. Magalhaes)

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Focus