Resta in contatto

Roma Primavera

De Rossi: “Contro l’Ascoli serviranno sacrificio, attenzione e sudore”

Il tecnico della Primavera parla alla vigilia della gara contro l’Ascoli

La Roma Primavera allenata da Alberto De Rossi affronterà alle 12.30 l’Ascoli per la gara del Campionato Primavera1 TIM. La Roma ha pubblicato su Twitter un video dove il tecnico giallorosso rispondeva ad alcune domande sulla partita di domani. Ecco le sue dichiarazioni:

Sulla sua valutazione del girone d’andata della sua squadra…
“La valutazione passa per il primo periodo dove i ragazzi sembravano imbattibili; per poi, alla ripresa sembravamo una squadra come le altre; mentre il terzo periodo, che stiamo attraversando in questo periodo, sia quello giusto: una squadra che se la gioca con tutte e che impone il suo gioco”.

Sull’approccio della sua squadre nelle ultime partite…
“L’approccio non è mai mancato, se non nei 20 minuti nella prima parte contro il Verona, perciò ci dobbiamo aspettare ed arriverà una conferma che i ragazzi la prenderanno sempre gli avversi nel modo adatto. Gli avversari diventano imbattibili se si entra sotto tono”.

Sulla partita contro l’Ascoli…
“Basta poco, ma la partita può mettersi male per noi, cosa che non vogliamo, soprattutto l’Ascoli sta venendo da 3 risultati buonissimi, mettendoci anche la sconfitta a Bergamo dove sono passati in vantaggi ma per lunghi tratti hanno giocato alla pari con l’Atalanta. Gli avversari hanno trovato l’equilibrio nelle prestazioni e, perciò, sarà un’altra gara dove bisognerà mettere sul campo sacrificio, attenzione e sudore perché altrimenti andremo in contro a sorprese negative”.

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Roma Primavera