Resta in contatto

News

Carboni: “Fonseca non lo metterei in discussione. Pedro? Mi aspettavo di più”

L’ex calciatore giallorosso interviene: “La Roma è ancora in corsa Champions, non incontrerà sempre Big”

Amadeo Carboni, ex giallorosso, parla ai microfoni di TMW della difficile situazione della Roma dopo la sconfitta contro il Napoli.

Le sue parole:

“E’ vero che ha perso tanti scontri diretti con le pretendenti ad un posto Champions, però è ancora in corsa e non incontrerà sempre le big. E ‘ ancora in lizza. E’ altrettanto vero che se perdi con chi ti sta davanti è difficile recuperare, però fino alla Lazio tutte sono in corsa. Lo scivolone di ieri ha tolto qualcosa alla Roma però al tempo stesso c’è anche il clamoroso ko della Juve. Ancora di certo non c’è nulla”.

Quali sono i problemi di questa Roma?
E’ una squadra giovane, fatta di ottimi giocatori che avranno futuro anche in Nazionale, togliendo Pedro e Dzeko, con quest’ultimo che sta vivendo una stagione particolare tra infortuni e problemi col tecnico. La squadra è forse troppo giovane per puntare ad un obiettivo così importante. E’ chiaro che entrare in Champions darebbe un plus per l’allenatore. Fonseca ha fatto vedere buone cose, i giovani stanno crescendo ci vuole più pazienza. Questo è un anno di conferma per i giovani, che hanno però bisogno di un paio di giocatori di livello.

E il futuro di Fonseca?
Ripeto, ha idee. Questi ragazzi giocano bene, non lo metterei in discussione, gli darei tempo almeno fino all’ultima giornata.

Da Pedro si aspettava di più?
E’ partito benissimo diventando un punto di riferimento. Poi bisogna vedere cosa è successo: ha avuto un infortunio e da fuori si giudica male. Lui non è mai stato un goleador ma entrava bene nella metà campo avversaria, è rapido, ha qualità tecnica. Poteva forse fare qualcosa in più.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News