Resta in contatto

Conferenze stampa

Fonseca: “Non lavoro per convincere le persone, lavoro per far vincere la Roma” (VIDEO)

Alla vigilia della sfida con il Torino, parla in conferenza stampa il mister Paulo Fonseca

Domani alle ore 18:00, la sfida con il Torino per la 31° giornata di campionato. Ecco le parole del tecnico giallorosso.

Fonseca, contro l’Ajax abbiamo visto una grande prova difensiva. Cosa manca per avere una sintesi tra la prima parte della stagione fatta di calcio spettacolo ed una Roma difensiva come quella contro l’Ajax?

Ogni partita abbiamo una strategia. Come hanno detto tutti, per quasi tutta la stagione, la Roma era la squadra che giocava meglio offensivamente parlando. In queste due partite abbiamo preparato una strategia diversa contro una grande squadre come l’Ajax.

Lei ha il potere di spaccare a metà l’opinione pubblica… Si è mai fatto una domanda, cosa poteva fare di più per poter spostare la percentuale a suo vantaggio?

Non lavoro per convincere le persone, lavoro per far vincere la Roma. Quando si vince abbiamo più persone dalla nostra parte, quando non vinciamo abbiamo più persone contro. Penso che la cosa più importante sia fare il mio lavoro e lavorare per la Roma

Come sta Smalling, fisicamente e mentalmente?

Valutiamo Smalling tutti i giorni, ha iniziato a lavorare in campo e quando avrà fiducia per ritornare, tornerà

Dopo le partite di EL, la Roma ha perso 18 punti su 33, cosa manca a questa squadra per essere competitiva sul doppio fronte?

Questa è una stagione particolare. Posso dare molti esempi di squadre avanti in competizioni europee come il Bayern che ha pareggiato in casa, l’Arsenal è decimo, è così per le squadre che affrontano tante partite. Le squadre che giocano ogni 3 giorni hanno meno giocatori disponibili. Il Bayern ha giocato con 6 giocatori in meno, ciò influenza il risultato.

Pensa che con la concentrazione dell’altra sera la Roma avrebbe evitato dei passi falsi in campionato? Questa nuova solidità difensiva  è solo una strategia per una partita o può cambiare l’identità della squadra?

No. Come ho detto è stata una questione di strategia per affrontare questo avversario. Non cambiamo identità. Torneremo già domani ad essere la squadra offensiva che ha iniziativa, con maggiore concentrazione possiamo fare meglio in campionato

Quanto è importante cercare di prendere un posto in Europa League?

Io penso solo alla prossima partita, ciò che è importante è pensare che la partita con l’Ajax è finita e la nostra ambizione è vincere contro il Torino

Pastore sarà titolare?

Dovete aspettare domani per scoprirlo

Le partite con Torino e Atalanta potrebbero essere decisive per sperare nel quarto posto? Grazie anche agli altri scontri diretti… 

Ciò che è importante è vincere le nostre partite, non possiamo pensare a di più se prima non vinciamo le nostre partite

Lei ha lavorato in molte realtà del calcio europeo ma in Italia ci sono ancora rose molto lunghe e con tanti esuberi, c’è un problema di reclutamento dei giocatori?

Io penso che è importante avere una rosa compatta, qui quasi tutti i giocatori hanno giocato e hanno fatto parte delle mie scelte ma se mi fai questa domanda io sono d’accordo è importante avere una rosa compatta

Il campionato è un obiettivo molto importante ma queste partite possono essere importanti per recuperare i giocatori che potrebbero essere decisivi per l’Europa?

No, sono 2 competizioni diverse, adesso penso al campionato e alle migliori scelte per domani pensando alla questione fisica e tattica, la cosa più importante è domani, è importante capire che la partita con l’Ajax è finita e voglio la squadra concentrata sul campionato e sulla partita di domani

Cosa vuole vedere in campionato delle partite di Europa league?

Magari la stessa concentrazione, determinazione e aggressività difensiva. E’ importante che la squadra faccia sempre una partita sicura difensivamente, come abbiamo fatto contro l’Ajax, è un aspetto che possiamo migliorare in campionato

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Conferenze stampa