Resta in contatto

Rassegna Stampa

Da Fazio a Mirante, il futuro segnato lontano da Trigoria. Jesus svincolato

C’è una Roma pronta a dire addio

C’è qualcosa di ingombrane e simbolico in questa sconfitta della Roma, che oltre a certificare l’addio alla Champions League attraverso il campionato prepara il commiato di un gruppo di giocatori che Tiago Pinto ha deciso di rilasciare.

Il primo in ordine di incidenza è Federico Fazio che ha riassunto nella sua performance tutto ciò che ha costruito e distrutto la squadra B a Torino. Nei gol che hanno scavato la differenza, il secondo e il terzo, la sua inadeguatezza è stata grottesca. Sul 2-1 Fazio perde Belotti sul tempo, nonostante una verticalizzazione piuttosto leggibile di Mandragora. Sul 3-1 invece gli ha consegnato il pallone, trasformando indirettamente un infido passaggio orizzontale di Ibanez in assist per Rincon.

Il progetto di separazione andrà avanti in estate, anche se non sarà facile trovare una squadra pronta a lanciarlo: Fazio ha compiuto 34 anni e guadagna molto per quello che oggi può dare. Lo stesso problema, moltiplicato per due sia in termini di stipendio che per la durata del contratto, riguarda Javier Pastore. Anche per lui non sarà facile lasciare Trigoria. E che dire di Pedro? È stato preso a parametro zero lo scorso anno. Ma se ci fosse la possibilità di cederlo, la Roma la sfrutterebbe.

Saluterà di sicuro il terzetto in scadenza di contratto: il secondo portiere Mirante ha già ricevuto da Tiago Pinto la comunicazione; Bruno Peres sta valutando un’offerta interessante in Turchia; Juan Jesus è a sua volta in cerca di una sistemazione dopo aver voluto rispettare fino all’ultimo giorno i cinque anni che lo vincolavano alla Roma. Lo scrive “Il Corriere dello Sport”.

4 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

4 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa