Resta in contatto

Mimmo Ferretti

Cagliari-Roma 3-2: giallorossi senza difesa. Le pagelle di Mimmo Ferretti

Sconfitta netta dei giallorossi a Cagliari

PAU LOPEZ  5

Una parata a terra complicata su Joao Pedro, nel primo tempo. Nulla da fare sul gol del primo vantaggio del Cagliari. Determinante in allungo a terra su Simeone in avvio di ripresa, incolpevole – forse – su Marin, un po’ più colpevole sulla rete di Joao Pedro.

MANCINI  4,5

Squalificato in vista di Manchester, eccolo in campo in Sardegna. Sembra stanco, gioca molto di posizione contando i passi. Clamoroso l’errore che porta il Cagliari al raddoppio. Tenta di rifarsi con un colpo di testa, Vicario si salva. Male, stranamente.

SMALLING  6+

L’inglese torna al centro della difesa, e la cosa non accadeva dal 7 marzo, Roma-Genoa. La personalità è subito la consueta, tempi di gioco e chiusure alla vecchia maniera. Rare le sbavature. Gioca un’oretta, sta bene. 

FAZIO  6+

L’argentino bissa la presenza collezionata in casa del Torino. Sta sul centro sinistra della difesa a tre, nel primo tempo fa il suo (e un po’ pure quello di Bruno Peres…) e va vicino al gol di testa. Segna, di testa ovviamente, la rete del 2-3. Uno dei pochi lucidi. E’ fuori dalla lista Uefa.

SANTON  4,5

Sì, proprio lui! Ultima apparizione lo scorso 18 ottobre, Roma-Benevento. Quinta presenza stagionale, quarta da titolare. Troppo acerbo Reynolds per partire dal primo minuto, quindi spazio a un giocatore che era sparito da sei mesi abbondanti dai radar. Gioca molto alto e, per questo, spesso non  difende bene. Poco sveglio nell’azione del gol del vantaggio sardo. Poco sveglio sempre.

VILLAR  4,5

Un po’ più dentro la partita, rispetto alle precedenti esibizioni, nella prima frazione. Ma poco poco… Nella ripresa va in bambola completa. Prestazione nettamente insufficiente.

DIAWARA  4,5

Grottesco il suo errore – tecnico e tattico – nell’azione che dopo pochi minuti porta alla rete del vantaggio del Cagliari. A seguire, non sale mai di tono.

BRUNO PERES  4

Il brasiliano va a sinistra, per la 39esima presenza sulle 46 complessive della Roma. Gioca il 95% dei palloni all’indietro, il resto orizzontalmente. Più dannoso che inutile. Resta negli spogliatoi durante l’intervallo.

CARLES PEREZ  6

Frizzantino assai, lo spagnolo. Prima prova lo slalom gigante partendo da lontanissimo (tiro fuori) poi firma la rete del pareggio romanista riprendendo un suo tiro terminato sul palo. Ripresa molto meno da protagonista.

PELLEGRINI  5

Fatica a trovare la giusta posizione, poi mette Carles Perez a tu per tu con Vicario, e la Roma pareggia. Fine.

BORJA MAYORAL  4,5

Presenza complicata, là davanti. Con una percentuale di errori tecnici che non appartengono al suo repertorio. Tenta invano di trovare la rete all’inizio della ripresa: Vicario si salva in angolo.

SPINAZZOLA  6

Dall’inizio della ripresa al posto di Bruno Peres. Un altro passo, ovviamente. Sta bene.

CRISTANTE  5

Per Smalling dopo la rete di Marin. Non entra bene. E viene pure ammonito.

MKHITARYAN  5

Al posto di Pellegrini dopo il secondo vantaggio sardo: corre, spesso a vuoto però.

KARSDORP  4,5

Per Santon: difende malissimo su Joao Pedro-gol, che salta indisturbato. Davanti non si vede mai.

VERETOUT  SV

Al posto di Diawara dopo la rete di Fazio: non incide.

FONSECA  4,5

Pensa allo United e manda in campo una Roma inedita. Gli errori dei singoli peggiorano la precaria situazione di partenza. E la Roma becca altri tre gol da una pericolante.

 

7 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

7 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Mimmo Ferretti