Resta in contatto

Mimmo Ferretti

Inter-Roma 3-1, altri tre gol sul groppone. Le pagelle di Mimmo Ferretti

Giallorossi ko anche a San Siro

FUZATO  5

Si arrende senza neppure abbozzare la parata contro Brozovic poi si tuffa in maniera goffa sul tiro piazzato di Vecino, al quale successivamente nega la doppietta. Innocente su Lukaku-gol, ma che conta? 

KARSDORP  6

Soffre in avvio in fase di non possesso i movimenti della difesa a quattro contro un avversario che a centrocampo sta a cinque. Poi, capita la faccenda, cresce di tono. E fa su e giù sulla corsia di destra. 

MANCINI  4,5

Dà l’impressione di giocare con il freno a mano tirato e, per questo, appare stranamente morbido nei contrasti. E si volta clamorosamente sul tiro-gol di Vecino: un erroraccio non da lui. Torna all’antico, nella ripresa, su Hakimi. Tardi, però.

KUMBULLA  4,5

Dura la vita se c’è da fare a botte (sportivamente, certo) con Lukaku. Fa quello che può, e non è molto. Anzi…

SANTON  4,5

Debole, debolissimo nella fase difensiva si trova un po’ più a suo agio quando può andare in avanti. Ma senza esagerare, per carità. Male dietro e davanti, insomma. 

DARBOE  5,5

Se gli si chiede di fermare fisicamente Lukaku, non gli si fa un favore. Se da lui si vuole costruzione del gioco e senso tattico, ci siamo. Il giallo beccato dopo cinque minuti non lo aiuta a essere sereno nei contrasti per il resto della partita. Un solo errore (grave), a ben vedere. Poteva far meglio, forse. Ma complessivamente non fa poco.

CRISTANTE  5

E’ il centrocampista più “alto”, ma questo non permette alla Roma di essere equilibrata in mezzo al campo. Sporca un mare di palloni, ha l’occasione per pareggiare ma di testa manda incredibilmente fuori. Maluccio.

PEDRO  4,5

Si sistema sulla destra, va a scatti e spesso finisce fuori giri. Fumoso e disattento tatticamente. Resta negli spogliatoi nell’intervallo.

PELLEGRINI  5,5

Posizione ibrida, la sua. Un po’ trequartista ma (teoricamente) anche controllore di Brozovic in fase di non possesso. Si butta dentro in continuazione, ma non ha forza e precisione.

MKHITARYAN  6

Moto perpetuo a sinistra e autore del golletto romanista (11esimo in campionato). Ripresa a destra, dopo l’uscita di Pedro. Si vede meno, però. Peccato.

DZEKO  6

L’assist verticale per Micki-gol impreziosisce un primo tempo di grossa fatica. Nella ripresa di sinistro… alla Dzeko colpisce un palo. Poi Radu gli tampona una conclusione da due passi. Infine prova ancora a far male all’Inter, senza la mira precisa.

EL SHAARAWY  5

Dall’inizio della ripresa al posto di Pedro, ma a sinistra: sta bene, se non altro. Ma non ha brillantezza.

VILLAR  SV

Per Cristante: giochicchia.

CARLES PEREZ  SV

Nel finale al posto di Darboe.

BRUNO PERES  SV

Per Karsdorp nel finale.

FONSECA  4,5

La Roma, è noto da tempo, non sa difendere.

 

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Mimmo Ferretti