Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Voeller: “Mou, regala lo scudetto alla Roma”

“Sarà un campionato molto equilibrato e interessante. E del gruppo di testa potrà fare parte la Roma”

Rudi Voeller, ex attaccante della Roma e attuale dirigente del Bayer Leverkusen, ha rilasciato un’intervista a Il Messaggero. Di seguito le sue dichiarazioni.

Parliamo della Roma.
“La mia Roma. A Roma sono stato tre o quattro settimane fa quando c’era la nazionale. Seguo la Roma e il calcio italiano. Noi del Bayer giochiamo spesso di sabato e la domenica posso guardare la Serie A”.

Ora arriva José Mourinho.
“Un gran colpo, una bellissima idea del club. È un grande allenatore e farà bene anche alla piazza perché potrà dare un po’ di…euforia, si può dire?”.

Euforia.
“Sì, euforia, speranza di un futuro migliore”.

Che cosa fare di (e con) Dzeko?
“Sono sempre stato un ammiratore di Dzeko, fin da quando era al Wolfsburg. Dipenderà tutto da lui: se avrà voglia di giocare a certi livelli. Come talento non ci sono dubbi: è davvero un grandissimo centravanti. Ma oggi c’è solo uno al mondo che possa permettersi di correre un po’ meno rispetto agli altri…”.

Uno solo, dice?
“È uno piccolino, gioca nel Barcellona. E ogni tanto può stare anche fermo: Leo Messi. Nel calcio moderno tutti devono correre per 90 minuti. Dzeko, e questo vale anche per tanti altri, deve lavorare anche per i compagni, pure se la condizione fisica cala”.

La Roma chi dovrebbe comprare?
“Non saprei. Ho già molti impegni qui a Leverkusen… Abbiamo avuto un campionato simile a quello della Roma. Non è stato un granché. Volevamo arrivare in Champions. E in Coppa di Germania siamo usciti contro una squadra di Serie C”.

Scuserà la banalità, ma dobbiamo: la Roma è da scudetto?
“La Roma, come la Lazio, adesso ha un vantaggio. Per tanti anni in campionato la Juventus, come d’altronde il Bayern in Bundesliga, ha vinto tantissimo. Già lo scorso anno si aveva però la sensazione che la Juve fosse in difficoltà perché è una squadra un po’ vecchia. E che il campionato potesse essere combattuto. Ecco, questo è il grande vantaggio per la mia Roma. Che può approfittare della difficoltà degli altri. Come ha fatto l’Inter in questa stagione”.

C’è speranza?
“Il problema di una squadra troppo più forte delle altre in Italia non esiste più. La Juve non è più quella di un paio di anni fa. E l’Inter non credo abbia questo grande vantaggio rispetto alle altre. Sarà un campionato molto equilibrato e interessante. E del gruppo di testa potrà fare parte la Roma. Ma anche la Lazio”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa