Resta in contatto

News

Freuler: “Xhaka? Ecco cosa mi ha chiesto dell’Italia” (VIDEO)

Il centrocampista svizzero dell’Atalanta: “Domani manderò un messaggio a Toloi e Pessina e mercoledì ci vedremo. Xhaka? Ecco cosa mi ha chiesto”


Questa mattina il centrocampista dell’Atalanta Remo Freuler ha rilasciato alcune dichiarazioni sul match di mercoledì.

Che sensazioni provi a giocare contro l’Italia con giocatori che conosci, compagni di squadra e amici?
“Sarà molto bello rivedere i miei compagni di squadra, domani manderò un messaggio a Toloi e Pessina e mercoledì ci vedremo in campo. Ho sempre sognato giocare almeno una volta contro l’Italia, l’ho sempre detto anche negli anni precedenti che mi sarebbe piaciuto molto”. 

I punti deboli dell’Italia?
“Noi dobbiamo fare la nostra partita. Dobbiamo provare a pressare l’Italia per creargli un po’ di problemi in difesa. Se siamo troppo bassi come ha giocato la Turchia diventa tutto più facile. Dobbiamo palleggiare bene, essere compatti per poter arrivare al tiro e, speriamo, al gol”. 

Sentite un po’ di pressione dopo il pareggio con il Galles?
“No, non sentiamo la pressione. Abbiamo preso un punto e abbiamo ancora due partite che vogliamo vincere”. 

Cosa ha provato sul dramma Eriksen?
“È stato difficile capire in quel momento cosa fosse successo. Quando ho visto le immagini eravamo in aeroporto, ed eravamo tutti preoccupati per le sue condizioni e per la sua famiglia. Era un momento particolare e difficile per tutti noi, i nostri pensieri erano e sono per Christian. Spero adesso stia bene. In campo non voglio pensare a queste cose perché poi diventa difficile concentrarmi sulla partita”. 

Xhaka le ha parlato della Serie A?
“Prima mi ha chiesto come sono le strade in Italia…(ride, ndr)”. 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News