Resta in contatto

Rassegna Stampa

Pellegrini, il suo rinnovo ha un doppio valore

Il futuro del capitano della Roma si tinge di giallorosso

Come Totti e De Rossi prima di lui, anche Pellegrini è finito al centro dell’attenzione nella capitale per un contratto che dovrà segnare la permanenza in giallorosso di un altro capitano romano e romanista, un altro giocatore che verrà identificato come simbolo della tradizione di club fortemente legato al territorio. E questa potrebbe essere una settimana molto importante per delineare – non definire – il suo futuro dentro Trigoria.

Presto Pellegrini e il suo agente incontreranno Tiago Pinto per cominciare a intavolare la trattativa per l’estensione del contratto che scadrà il 30 giugno 2022. Non basterà solo un colloquio, anche perché finora nessuno ha mai parlato di cifre. Pellegrini guadagna 2 milioni di euro netti più bonus, una cifra inferiore a quella percepita da giocatori come Diawara, Fazio, Borja Majoral, Mancini ma anche Under e Kluivert. Sarà quindi obiettivo dell’entourage del giocatore riuscire ad aumentare l’ingaggio del ragazzo rendendolo di fatto un top player.

Tiago Pinto ribadirà la volontà di tenere Pellegrini e farne uno dei principali testimonial della nuova Roma: non a caso il giocatore è stato uno dei protagonisti dello shooting fotografico per presentare la nuova maglia che poi quando sarà esposta negli store vedrà in vetrina il suo nome e il numero sette. Nonostante le lusinghe di Barcellona e Liverpool, la volontà (e la priorità) di Pellegrini è quella di trovare un accordo con la Roma. Lo scrive Il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa