Resta in contatto

Rassegna Stampa

L’Anderlecht vuole Darboe

Il club belga si muove per il giovane talento giallorosso

Qualcosa si muove sul fronte cessioni. La Roma sta cercando di fare cassa prima di piazzare un colpo in entrata e le prime risorse potrebbero arrivare dalla cessione di Darboe: il giocatore è un obiettivo dell’Anderlecht, che ha già presentato un’offerta per acquistare il classe 2001 a titolo definitivo. I giallorossi stanno valutando la proposta, ma prima di prendere una decisione il club aspetterà il parere di Mourinho (la dead line è fissata il 20 luglio). Se lo Special One giudicherà il gambiano pronto per far parte della sua Roma l’offerta dei belgi verrà rispedita al mittente, in caso contrario quella di Darboe potrebbe diventare la prima cessione del mercato romanista.

Anche Santon ha le valigie pronte da un pezzo, ma per il terzino non è ancora arrivata un’offerta ufficiale: su di lui c’è l’interessamento di due club turchi e uno italiano, ma negli ultimi giorni il suo agente ha sondato il terreno anche con alcune squadre della Mls. Attesi sviluppi anche su Pastore. L’agente del Flaco è atteso a Trigoria a fine mese per fare il punto con Tiago Pinto. L’obiettivo del general manager è quello di abbassare il monte ingaggi il prima possibile ed avere così maggiore libertà di movimento sulle operazioni in entrata. Le priorità rimangono l’arrivo di un centrocampista e di un portiere titolare, ma la Roma non ha ancora sferrato l’affondo decisivo per regalare a Mourinho il primo rinforzo. Xhaka continua ad attendere che la situazione tra i giallorossi e l’Arsenal si sblocchi, mentre Rui Patricio rimane il principale indiziato nonostante l’interessamento per Gollini. Lo scrive Il Tempo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa