Resta in contatto

Rassegna Stampa

Kostic, la Roma ci prova ma prima deve sfoltire la rosa

La corsa all’esterno dell’Eintracht Francoforte

Se Albert Einstein aveva ragione, il nuovo obiettivo della Roma – al secolo Filip Kostic – ad appena 28 anni deve aver scoperto il segreto di quel tipo di maturità che si materializza nell’altruismo. “La maturità inizia a manifestarsi quando sentiamo che è più grande la nostra preoccupazione per gli altri che non per noi stessi”, affermava sicuro il genio tedesco. Nel suo piccolo, l’esterno d’attacco serbo deve averlo preso sul serio, visto che ha appena concluso una stagione in Bundesliga da 4 gol all’attivo, ma soprattutto da ben 17 assist. Con queste premesse, non sorprende che gli occhi di tanti club europei si siano aperti sul giocatore dell’Eintracht Francoforte.

Fra questi, da tempo c’è l’Inter, ma c’è anche la Roma a seguirlo, nonostante sulle tracce del serbo si sia mossa pure la Lazio. Non nascondiamolo, Kostic ha un prezzo non banale (almeno una ventina di milioni), ma il fascino che esercita sul general manager giallorosso, Tiago Pinto, è estremamente reale. Come su altri fronti, però, le casse esangui pongono limiti allo sviluppo degli acquisti. Così la ricetta del dirigente sembra essere, allo stesso tempo, semplice e complessa. Occorre vendere gli esterni in esubero nella rosa per poi dare l’assalto al serbo. Lo scrive La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa