Resta in contatto

Rassegna Stampa

Mossa tattica di Lotito, si inventa un trust per la Salernitana

Svolta al fotofinish per il futuro della Salernitana

La pec indirizzata alla Federcalcio è partita quando le dieci e mezzo di sera erano già passate e la deadline, fissata a mezzanotte di ieri, si stava avvicinando in modo inquietante: Lotito ha indicato il trust che amministrerà la Salernitana e ne gestirà la cessione, da concludere – secondo le indicazione della Figc – entro sei mesi per evitare commistioni con la Lazio.

In realtà Lotito ha scelto un doppio trustee: due società fiduciarie accreditate presso la Banca d’Italia. Saranno loro a stabilire la valutazione della Salernitana, i cui tifosi possono tirare un primo e parziale sospiro di sollievo. L’operazione è stata molto più complessa del previsto, Lotito ha provato a vendere la società ma i potenziali acquirenti (Radrizzani, ex padrone del Leeds, Miami, ex proprietario del Pisa, e un fondo arabo) non si sono nemmeno avvicinati alle sue pretese economiche: potrebbero riprovarci adesso.

Così il patron della Lazio ha preso la strada del trust e all’ora di cena ha chiesto l’indirizzo della Federcalcio, alla quale la documentazione è arrivata quando si era ormai molto vicini alla scadenza temporale. Entro lunedì dovrà essere formalizzata l’iscrizione al campionato di Serie A della Lazio e della Salernitana, dopodiché prenderanno il via i controlli legali e amministrativi che la Covisoc chiuderà l’8 luglio. Lo scrive “Il Corriere della Sera”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa