Resta in contatto

Rassegna Stampa

Mariani: “Più grave di un crociato, 5-6 mesi prima di correre”

Day 185

Lo specialista ha già operato Spinazzola nel 2018 dopo la rottura del crociato

Il percorso per ricominciare a correre sarà lungo, ma a Spinazzola la forza e la determinazione per tornare a sorridere sul campo non mancano. Ne è sicuro il professor Pier Paolo Mariani – primario a Villa Stuart specializzato in ortopedia e traumatologia – che nel 2018 ha operato il terzino dopo la rottura del legamento del ginocchio. Il chirurgo spiega il tipo di intervento a cui verrà sottoposto il calciatore della Roma.

Quello al tendine d’Achille è uno degli infortuni peggiori che un atleta possa subire?
Purtroppo sì. Sicuramente è un infortunio grave, costringerà Spinazzola ad un lungo periodo di inattività. Più lungo rispetto allo stop che ha dovuto osservare in passato dopo la rottura del crociato.

Che differenze ci sono nei tempi di recupero?
In questo caso il giocatore impiegherà almeno cinque o sei mesi prima di poter tornare a correre o a svolgere un’attività fisica intensa. Dal punto di vista chirurgico la riparazione del tendine non offre particolari problemi.

È un’operazione più semplice rispetto alla ricostruzione del crociato?
Da un certo punto di vista sì, ma si tratta comunque di un intervento complicato. Si deve andare a ricostruire bene il tendine per evitare qualsiasi rischio, soprattutto per gli sportivi, anche per questo i tempi di recupero dopo l’operazione sono abbastanza lunghi. Per capire il tipo di infortunio bisogna immaginare una corda che si spezza: non si rompe di netto, si deve fare attenzione quando si va a ricostruire. L’operazione dev’essere eseguita bene.

Per un calciatore c’è il rischio di non riuscire a giocare agli stessi livelli di prima in seguito all’intervento?
Ci sono diversi esempi di calciatori che hanno subìto la rottura del tendine d’Achille ma sono tornati a giocare senza problemi. Tra quelli che hanno giocato in Italia mi viene in mente Caceres, che era stato operato per lo stesso infortunio. Bisogna soltanto tenere presente che non sarà un percorso di recupero rapido: per tornare alle performance di prima ci vorrà molto tempo, questo purtroppo è indubbio. Spinazzola però è un giocatore dotato di una notevole forza d’animo, già lo conosco sotto questo punto di vista. Tornerà forte anche da questo infortuni

Lo scrive Il Tempo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa