Resta in contatto

Euro 2020

Euro 2020, Italia-Inghilterra 3-2 (d.c.r.): Azzurri sul tetto d’Europa!

Parità dopo i 90 minuti: si va ai supplementari

 

Vincere o sopperire, scrivere la storia o guardare al prossimo Mondiale con voglia di rivincita. L’Italia di Mancini ha sofferto contro la Spagna dimostrandosi squadra anche nelle difficoltà e si è meritata il pass per l’ultimo atto di questo Europeo. In scena a Wembley una partita che sarà storica indipendentemente dal finale. Sarà ancora Emerson a sostituire l’infortunato Spinazzola dopo una prova sufficiente in semifinale. L’inghilterra non schiera Saka dal primo minuto, con Shaw che viene avanzato nella linea dei tre dietro Kane.

INFO GARA

La gara tra Italia e Inghilterra, valida per la finale di Euro 2020, verrà giocata alle ore 21 allo Stadio Wembley di Londra. Terza partita in terra inglese per gli uomini di Mancini dopo la vittoria sull’Austria e quella con la Spagna. Attesi sugli spalti circa 67000 spettatori, di cui almeno 6600 italiani e 58000 inglesi. Se vincerà l’Italia sarà il secondo Europeo della sua storia (dopo quello del 1968), se vincerà l’Inghilterra il primo e il secondo trofeo in bacheca per i tre leoni (dopo il Mondiale del 1966).
La partita sarà visibile su Sky Sport Uno, Sky Sport Football, Sky Sport 251 e su Rai Uno. Disponibile anche sulle applicazioni Sky Go e Rai Play.

SQUADRA ARBITRALE

Arbitro: Bjorn Kuipers  (OLA)
Assistenti:  Sander van Roekel  (OLA) e Erwin E. J. Zeinstra (OLA)
Quarto uomo:  Carlos del Cerro Grande (SPA)
Var: Bastian Dankert (GER)

LE FORMAZIONI UFFICIALI

ITALIA (4-3-3): Donnarumma; Di Lorenzo, Bonucci, Chiellini, Emerson; Barella, Jorginho, Verratti; Chiesa, Immobile, Insigne.

INGHILTERRA (4-2-3-1): Pickford; Walker, Stones, Maguire, Trippier; Rice, Phillips; Shaw, Mount, Sterling; Kane

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Euro 2020