Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

TROPPO BELLO! Italia, sei la Regina

L’Italia è campione d’Europa per la seconda volta nella sua storia

La Coppa torna a casa! La nostra, però. Dopo 53 anni l’Italia è di nuovo Campione d’Europa. Abbiamo vinto ai rigori dopo una mitragliata di emozioni che non dimenticheremo. Segnano Berardi e Kane. Belotti sbaglia, segnano Maguire e Bonucci e poi Rashford colpisce il palo. Bernardeschi segna e Donnarumma ferma Sancho. Sul dischetto Jorginho che ne ha fatti 6 su 6 con la Nazionale. Sbaglia. Tocca al tenero Saka che si ritrova un porta da Hockey e un immenso Gigio che la chiude. Campioni d’Europa! Mancini in lacrime abbracciato dal fratellino Vialli.

Wembley non è più il ricordo di una finale persa (quella con la Sampdoria nel ’92), ma la cattedrale del trionfo più bello, quello che i gemelli non hanno mai vissuto da giocatori Azzurri. Abbiamo regalato il gol dopo 2 minuti di gioco, abbiamo rincorso, abbiamo pareggiato con una zampata di Bonucci, abbiamo sofferto tremendamente l’assenza di Spinazzola, abbiamo perso anche Chiesa, ma siamo arrivati in fondo lo stesso. Abbiamo sempre fatto la partita e l’Inghilterra ha pensato soltanto a difendersi. Questo è il nostro più grande orgoglio: non abbiamo vinto l’Europeo perché siamo stati più tosti e più furbi, ma perché siamo stato più bravi a giocare a calcio. Lo scrive La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa