Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Mou ha scelto l’attacco

Lo Special One ha scelto il modulo della sua Roma

Il suo lavoro è appena iniziato, ma le idee sono già chiare. Nella terza amichevole precampionato la Roma di Mourinho si è imposta per 1-0 contro la Triestina grazie a un gol di Zalewski ma, al di là del punteggio, la gara del Nereo Rocco è stata utile per capire come il tecnico sta pensando di far giocare la squadra.

Il modulo è il 4-2-3-1 con impostazione dal basso, assetto che si trasforma in 4-4-2 in fase difensiva. Al netto delle assenze e in attesa di accogliere i prossimi colpi in entrata (Vina sbarcherà nella Capitale nei prossimi giorni), il tecnico ha schierato l’attacco titolare con Mkhitaryan, Pellegrini e Zaniolo alle spalle di Dzeko.

Condizione straripante per Zaniolo, apparso un po’ troppo nervoso dopo due interventi decisi da parte degli avversari. Tra i pali c’era Fuzato (Rui Patricio è rimasto a Trigoria) mentre davanti a Reynolds, Ibanez, Kumbulla e Tripi il tecnico ha schierato la coppia Bove–Villar. Il capitano della Roma sarà ancora Pellegrini, con il bosniaco a fare da vice. Nel primo tempo però, nonostante una buona aggressività nel pressing, la squadra non è riuscita a trovare la via del gol.

A far esultare i romanisti presenti tra i mille spettatori allo stadio ci ha pensato la ‘Roma b’: ad inizio ripresa il tecnico ha mandato in campo Karsdorp, Smalling, Diawara, El Shaarawy, Carles Perez, Borja Mayoral e Zalewski (autore del gol vittoria). Assenti invece – oltre a Rui Patricio – Veretout (deve completare il percorso di recupero), Calafiori (botta alla caviglia), Mancini (gastroenterite) e Darboe (affaticamento). Lo scrive “Il Tempo”.

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa